Primi passi con Photoshop

Una guida per acquisire familiarità con il best seller di Adobe ed essere in grado di creare e rielaborare immagini con pochi click.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-06-2008]

Photoshop è un potentissimo strumento per la modifica e la rielaborazione delle immagini: nonostante consenta di effettuare ritocchi di qualità professionale, proprio l'abbondanza di filters presenti nel programma può renderlo tutt'altro che user friendly. Questo tutorial nasce con l'intento di offrire un primo approccio all'uso dell'applicazione, creando ex novo un'immagine di qualità con pochissimi passaggi.

Supponendo di voler generare un file contenente un fulmine, la prima cosa da fare è creare un nuovo foglio bianco. Niente di più intuitivo: dalla barra degli strumenti è sufficiente posizionarsi su File / New e impostare delle dimensioni a piacere. A questo punto è necessario selezionare lo strumento Gradiente e mettere il segno di spunta all'opzione Reflected Gradient.

Tracciando una breve linea orizzontale al centro dell'immagine, si otterrà il seguente effetto.

Il trucco per creare dei fulmini di prima categoria consiste nell'applicare il filtro Nuvole in differenza (il percorso esatto è Filter / Render / Difference Clouds). Può essere necessario annullare e ripetere l'operazione più volte per ottenere il risultato desiderato.

Successivamente si devono invertire i colori cliccando su Layer / New Adjustment Layer / Invert e creando un livello per la regolazione di luminosità e contrasto (Layer / New Adjustment Layer / Brightness-Contrast). La luminosità dev'essere impostata al minimo e il contrasto al massimo per ottendere un effetto simile.

Nonostante l'immagine sia pressoché perfetta, con qualche ulteriore passaggio è possibile ottenere una miglior resa. Ad esempio, selezionando lo strumento Crop si può ritagliare la parte dell'immagine di maggiore impatto, cancellando tutto il resto.

E' anche possibile isolare maggiormente il fulmine ed effettuare piccole correzioni, ripassandone i contorni con lo strumento Dodge (Scherma).

Il livello di inversione colore (posto al di sopra del livello di sfondo che verrà modificato col Dodge) farà in modo che il bianco dello strumento diventi nero. E' un po' come se si unissero i livelli per effettuare la medesima operazione con Brucia.

L'ultimo passaggio consiste nell'applicare delle tonalità di colore al fulmine, mediante un livello di bilanciamento (il percorso esatto è Layer / New Adjustment Layer / Color Balance). Nell'esempio fin qui illustrato, sono state applicate le seguenti impostazioni.

Il risultato ottenuto è veramente notevole.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Io ho imparato ad usarlo provando tutti gli strumenti ed i filtri, uno per uno (era la versione 3.5, ad essere sinceri, ma non è che Photoshop sia cambiato granché, da allora). Anche il "Photoshop WOW Book" mi è servito moltissimo, benché non presenti dei tutorial semplici; anzi, le tecniche qualche volta sono complesse, ma... Leggi tutto
30-6-2008 01:23

Da parte mia credo che le guide più sono semplici e chiari nelle spiegazioni e più possono attirare l'attenzione nell'apprendimento e contemporaneamente nello stimolare altre prove. Posso aggiungere che coloro i quali per vari motivi non conoscono l'inglese seguire i vari passaggi è difficoltoso ed il più delle volte si finisce per... Leggi tutto
27-6-2008 15:01

c'è qualche punto che potrebbe essere migliorato/chiarificato/integrato con info aggiuntive? (in vista dei prossimi tutorial) :)
27-6-2008 00:16

Magari in Italiano. . . ? ? ? Non comprendo l'inglese ed ho il cs3 originale in italiano! Fu una vera occasione! Aggiornai un vecchio 5 al cs2 ed Adobe in omaggio oltre al cs2 mi inviò anche il cs3! Leggi tutto
26-6-2008 01:10

grazie per il suggerimento, potrebbe essere la prossima :) Leggi tutto
25-6-2008 11:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (398 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics