Trasformare le foto in un filmato con Photosynth

Dopo oltre un anno di beta, il software è uscito in versione definitiva: partendo da qualche clic permette di creare uno scenario virtuale in 3D.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-08-2008]

Alla fine Micrososft ha deciso di sottoporre al giudizio degli utenti il suo ultimo prodotto per la grafica, quel Photosynth che già di era visto all'opera in un serial televisivo nostrano e che permette, partendo da una pluralità di scatti fotografici del medesimo soggetto (persona, panorama ecc.) di interpolare e collegare le immagini presentandole sotto forma di scene tridimensionali.

Dal punto di vista grafico, a giudicare dalle prime realizzazioni, l'impressione che se ne riceve è quella di assistere a un filmato girato da un operatore pazzerellone che abbia anche bevuto qualche cicchetto di troppo; ma forse dipenderà dall'ansia di strafare, cercando di evidenziare in pochi secondi le possibilità del nuovo software.

Senza dubbio, in mani esperte si potranno realizzare cose egregie come impatto visivo; oltretutto il programma e le istruzioni sono liberamente (almeno per ora) scaricabili dal sito di Microsoft e pertanto ai più volenterosi è aperta la strada della sperimentazione.

Prodotto dopo tre anni di ricerche da Microsoft Live Labs in collaborazione con l'Università di Washington, il programma è in grado di combinare tra di loro fotogrammi coerenti per immagine e punto di ripresa, identificandone le somigliane e le sovrapposizioni per restituire alla fine di una rielaborazione particolare, una galleria d'immagini spazialmente tridimensionale; ovviamente con ampie possibilità di rotazioni, zoomata e altri effetti ottici.

Unico neo, almeno per ora, è l'obbligo di una macchina mediamente potente (almeno 1 Gbyte di Ram e 64 Mbyte di memoria video) e con sistema operativo Windows XP o Vista; inoltre il formato supportato è soltanto Jpeg. In contropartita, da Microsoft giunge però l'invito a usufruire di uno spazio web dedicato e aperto alla consultazione di tutti gli utenti della rete.

I visitatori non saranno obbligati ad aprire un account Windows Live ma sarà sufficiente il browser con installato un apposito ActiveX; parimenti è permesso l'impiego delle immagini realizzate sui siti web degli autori, i vari blog e le reti sociali come Myspace.

Microsoft propone anche la geolocalizzazione dei panorami con Virtual Earth, con prossima nazionalizzazione del servizio nelle lingue più diffuse; parimenti l'accesso dovrebbe essere possibile a breve tramite il sito msn.com.

Poiché la grafica è cucita a filo doppio con Apple, da Microsoft si assicura di lavorare al porting per il sistema operativo della mela morsicata; ma c'è chi afferma di aver ottenuto ottimi risultati con le feature già esistenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Beh, direi che uno "WoW" questa volta se lo meritano ;)
31-8-2008 22:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1256 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics