I "telefonici" e la crisi della finanza mondiale

Il seguito dei tragici avvenimenti della settimana scorsa negli Usa ci tiene ancora con il fiato sospeso per i venti di guerra legati alla inevitabile e annunciata risposta militare americana; ma anche i riflessi sui mercati finanziari sono intrecciati con l'eccidio delle Torri che ospitavano il Gotha dell'economia mondiale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-09-2001]

In questo caso i mercati finanziari non vivono la vita avulsa dall'economia reale fatta di cose e di persone, che hanno vissuto negli ultimi anni, ma ritornano sulla terra con problemi che tutti sperimenteremo: questa è la Globalizzazione!

La crisi di Wall Street e della nostra Piazza Affari era iniziata, in modo grave, ben prima dell'attacco all'America; ora viene amplificata e potenziata dal complesso di rischi, incognite, ansie irrazionali e non.

Si è dunque innescata una crisi finanziaria gravissima; essa ha colpito tanto negli Usa quanto in Europa e nella nostra Italia, con il grave down dei titoli Pirelli, Olivetti, Telecom, Tim e Seat: il mondo della new economy e delle telecomunicazioni.

In Europa le Telecom sono oberate dai debiti per le gare Umts; sono inoltre sfidate nei loro margini di redditività da una concorrenza, a tutto campo, per loro semisconosciuta. In realtà le Telecom di ogni paese sono colossi della old economy, messi a dura prova dall'avvento di Internet, della banda larga e della comunicazione mobile.

Lo scenario, tutt'altro che rassicurante per il mondo e per la sua economia, apre invece paradossalmente prospettive più incorragianti per le telecomunicazioni.

Per qualche anno (speriamo sia un tempo il più breve possibile) le possibilità di spostarsi per lavoro e per turismo verranno, inevitabilmente, limitate: lo stesso Sindaco di New York ha praticamente chiuso l'era dei grattacieli, sostenendo che non si dovranno più concentrare nello stesso punto grandi masse di uomini. (Sarà anche la crisi delle grandi metropoli?)

Le telecomunicazioni come alternativa al trasporto, ma anche il telelavoro e il decentramento urbano e produttivo, riceveranno da queste dure esigenze e necessità una forte spinta. La stessa vicenda delle Torri ha dimostrato le potenzialità della Rete rispetto alla stessa telefonia tradizionale e, nel contempo, la necessità di potenziarla; non dimentichiamo la stessa origine "militare" del Web stesso.

La guerra al terrorismo, sempre più tecnologicamente sofisticato, apre pericolosi spazi di tentazione per i Governi per volere coartare e controllare la libertà della Rete (la libertà in genere) ma nel contempo sarà occasione di nuovi investimenti nell'high-tech.

Le cose cambiano, anzi, sono già cambiate: speriamo che le nuove e insidiose sfide possano essere occasione di crescita e sviluppo per tutti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Preferiresti lavorare da casa piuttosto che andare in ufficio?
Sì, ma in azienda non me lo permettono.
No.
Sì, ma solo alcuni giorni alla settimana.
Sì, ma solo alcuni giorni al mese.
Sono costretto a farlo ma preferirei di no.
Non lo so.
Non ho un lavoro.

Mostra i risultati (2637 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 10 agosto


web metrics