Il "pacchetto Telecom" e i rischi del peer to peer

Rischieranno la rescissione del contratto e l'esclusione dall'accesso a internet tutti quelli che verranno dichiarati responsabili di download illegali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-09-2008]

pc

Settembre ormai non è più il mese della vendemmia; piano piano è diventato il mese in cui si regolano i conti di ogni genere e qualità. Le aziende debbono saldare i fornitori per ricevere nuove partite di merci mentre i sindacati e i partiti politici, dopo aver scaldato i motori durante la pausa estiva, si preparano agli incontri e scontri programmati e non.

Non diversamente operano le major nelle rispettive aree di interesse; così le banche, le "7 sorelle" e da ultimo (ma non certo tra gli ultimi) i big dell'intrattenimento.

Profittando del polverone autunnale generato dai (soliti) problemi, sta infatti per passare nei prossimi giorni la dottina Sarko cioè quell'insieme di norme fortemente voluto dal presidente francese e volto a contrastare il fenomeno del dowloading illegale.

Forse perché i "cugini" d'oltralpe posseggono non solo un innato sciovinismo ma anche un maggior senso della misura e tutto sommato di democraticità (quella senza aggettivi di sorta), Sarkozy, ancorché costantemente tirato per la giacca dagli interessati, non ha potuto sinora imporre la sua soluzione del problema.

Tuttavia - approfittando dal semestre di presidenza dell'Europarlamento - Sarko potrebbe pilotare l'approvazione, in mancanza di meglio mediante una Direttiva, di quella regolamentazione assai restrittiva sull'uso della rete che in casa propria ha subito numerosi slittamenti anche per l'opposizione dei fornitori di accesso i quali da ultimo hanno perfino disertato il tavolo delle trattative.

Come al solito, a casa nostra la cose invece rischiano di andare assai peggio a causa dell'approvazione entro questo mese del cosiddetto "pacchetto Telecom" a livello comunitario, che tra l'altro prevederebbe - non troppo mascherato al suo interno - la normativa in questione.

Il timore di una nostrana soluzione, peggiorativa rispetto al contenuto del "pacchetto", è tutt'altro che infondato, ove si pensi che oggi il Governo è diretto da un Presidente del Consiglio che è, tra le altre cose, anche imprenditore dello spettacolo; e che lo sia indirettamente poco o tanto, nulla toglie allo spessore del caso, tanto più che lo stesso Berlusconi in diverse occasioni ha dichiarato la propria vicinanza sia amichevole che ideologica al presidente francese.

Non sarebbe inoltre la prima volta che i nostri compagni di ventura europei si fanno togliere le castagne dal fuoco, alla faccia della pretesa "collaborazione" che viene sempre invocata purché a senso unico; chi ha memoria corta, vada a rivedersi la questione dell'Euratom, dello smantellamento del laboratorio di Ispra e dello scippo della ricerca, nei primi anni '60, in un settore che già allora si delineava come chiave di volta della futura economia europea e mondiale.

La prevista adozione del "metodo dei tre schiaffi" ossia la disconnessione dai servizi di rete e dal divieto di accesso dopo la seconda diffida formale da parte del provider, non si sa ancora come sarebbe applicata nella pratica e soprattutto da chi regolamentata e vigilata; e non sembra ci siano soverchie speranza che il Garante della privacy, sinora riluttante a rinunziare ai suoi poteri istituzionali, possa opporsi con successo ad una normativa sovranazionale.

Né sembra probabile che le varie associazioni nostrane dei consumatori, che sin qui hanno ossservato in genere un silenzio assordante sulla questione, sollevino davanti al magistrato una eccezione di legittimità costituzionale, magari eccependo che la normativa europea - ancorché sovranazionale e recepita dai vari ordinamenti - non può derogare o innovare rispetto alle leggi fondamentali degli Stati membri.

Se il buongiorno si vede dal mattino, leggeremo già oggi la relazione che accompagna il "pacchetto Telecom" e ne potremo valutare perzialmente gli effetti se fosse approvato nell'attuale stesura; ma ovviamente restano le incognite sulle interpretazioni, sempre creative da noi, che ne daranno le circolari amministrative e la magistratura che eventualmente fosse chiamata a dirimere controversie.

Certo è che sinora i vari provider non hanno dato alcun segno in merito a una sia pur minima tutela dei propri clienti o anche del proprio business, spesso invece succubi proprio di quella intrpretazione creativa che tutti paventiamo assai più di una regolamentazione che tutto sommato potrebbe anche racchiudere aspetti positivi; ad esempio, costringendo i vari fornitori di connessione ad allinearsi, per prezzi e prestazioni, almeno alla media europea.

Se poi il "Pacchetto Telecom" non dovesse contenere garanzie e sanzioni ritenute sufficienti dalle major, quasi certamente entro la fine del mandato Sarkozy dovremo aspettarci l'adozione di una specifica Direttiva, che probabilmente prenderebbe in considerazione le misure studiate da Olivenne, senza un minimo di obblighi ai provider nostrano e non.

In quest'ultima evenienza resteremmo veramente "cornuti e bastonati" magari guerdando con rimpianto ai Paesi emergenti all'Est europeo; visto che ci sono utenti sloveni che affermano di beneficiare di una connessione nominale in fibra di 100 Mb/sec a meno di un terzo di quel che costa a un qualsiasi fortunato geek milanese o romano.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)

{Max}
Freenet Leggi tutto
30-9-2008 17:48

Legge sul diritto d'autore (e convenzione di Berna). Leggi tutto
22-9-2008 15:23

dove sta scritto questo? articolo? Leggi tutto
22-9-2008 14:36

e con coolstreaming lo diffondevi anche, visto che si trattava di un servizio di peer to peer
20-9-2008 23:58

:-k uhm ... però utilizi un materiale che sai essere coperto da copyright, senza averne diritto. Leggi tutto
20-9-2008 23:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Perché Twitter ha tanto successo?
Il limite di 140 caratteri obbliga a esprimersi con brevità e concisione.
Si possono condividere link interessanti velocemente e a un gran numero di persone.
L'integrazione con il cellulare consente di inviare e ricevere i tweet via Sms.
Consente di rimanere aggiornati su un determinato argomento in tempo reale
La motivazione è un'altra, ve la esplicito nei commenti qui sotto.

Mostra i risultati (1064 voti)
Agosto 2020
Rassegnatevi, il nuovo Edge non si può disinstallare
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics