In prova: Zone Alarm Internet Security Suite 8.0

IL TEST DI ZEUS - Una risposta efficace ai numerosi problemi di conflittualità che generalmente insorgono in presenza di firewall, antivirus e antimalware, forse eccedendo un po' con le misure precauzionali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-10-2008]

zone alarm

Zone Alarm Internet Security Suite 8.0 è il nuovo software di Check Point Software Technologies (società che ha completato l'acquisizione di Zone Labs), studiato per riunire in un unico prodotto le funzionalità di firewall, antivirus e antispyware.

Scaricabile on line dal sito di Zone Alarm, la suite comprende, nel dettaglio: firewall, antirootkit, antivirus, antispyware, antispam, antiphishing, protezione dai furti di identità, protezione della privacy, protezione dell'email e parental control.

L'installazione della suite è rapida e totalmente user friendly; l'unica peculiarità che merita di essere rilevata è la possibilità di decidere se partecipare o meno al progetto DefenseNet, che consiste nel mettere a disposizione in modo anonimo le informazioni relative all'uso della suite agli sviluppatori di Zone Alarm.

La schermata principale presenta i due blocchi principali della suite: il firewall e l'antivirus/antispyware. E' infatti possibile disabilitare l'antivirus per evitare conflittualità, qualora se ne possedesse uno già installato sul Pc, e reinstallarlo con un semplice click.

Il firewall è settato di default in modalità di autoapprendimento, per consentire il monitoraggio del traffico attraverso le porte in ingresso e in uscita del Pc senza mettere in difficoltà gli utenti poco esperti.

In modalità avanzata è comunque possibile personalizzare con pochi click i permessi d'accesso a seconda delle zone (Internet o Trusted), impostare il blocco del ping o del file hosts, e ovviamente settare zone e permessi a gruppi di utenti. Particolarmente apprezzabile è la modalità stealth che consente di rimanere nascosti agli occhi di altri utenti in rete.

Il controllo dei programmi, grazie a Smart Defense Advisor (che si occupa di classificare il livello di rischio) regola automaticamente le impostazioni di sicurezza. Questa funzionalità di primo acchito può sembrare un enorme vantaggio poiché riduce drasticamente il numero di alert durante i primi giorni di utilizzo della suite.

In realtà questo può essere d'intralcio agli utenti più esperti perché OSFirewall, deputato alla protezione dalla minaccia di rootkit, identifica e blocca tutte le applicazioni che cercano di apportare modifiche al registro o di accedere a file di sistema, anche quelle lecite lanciate direttamente dagli amministratori.

Ovviamente si possono aggiungere programmi all'elenco di quelli rilevati in automatico, si può settare il livello di sicurezza manualmente e si possono anche abilitare o disabilitare i vari filtri (Privacy, Parental Control e via dicendo) a seconda delle applicazioni.

L'antivirus e l'antispyware in dotazione sono davvero estremamente efficienti. La prudenza non è mai eccessiva, ergo qualsiasi tipo di file agisca alla stregua di un malware viene messo in quarantena: anche quei simpatici (e innocui) eseguibili che di regola si usano per fare qualche piccolo scherzo agli amici sono destinati all'eliminazione, poiché far ingrandire il puntatore del mouse o far aprire all'improvviso il vassoio del masterizzatore è comunque una forzatura che induce il Pc a eseguire operazioni non espressamente richieste dall'utente.

Accedendo al pannello delle opzioni avanzate è possibile stabilire delle eccezioni, definire i percorsi di esclusione e i percorsi da sottoporre a scansione, schedulare le operazioni di aggiornamento e di scan, impostare l'operazione da eseguire in caso di rilevamento di un virus (quarantena, tentativo di riparazione del file infetto, richiesta della tipologia di operazione da eseguire di volta in volta) e molto altro ancora.

Protezione per le email consente di impostare i livelli di sicurezza sia a seconda del tipo di email, sia a seconda degli allegati in essa contenuti, applicando innumerevoli filtri. Sono integrati l'antispam e l'antiphishing, che bloccano contenuti potenzialmente pericolosi o virali.

Protezione della privacy spazia dalla pulizia frequente della cache al blocco totale di script, Javascript, oggetti embedded e via discorrendo. E' fondamentale effettuare delle variazioni rispetto alle impostazioni predefinite solo con estrema cognizione di causa, altrimenti si rischia di disabilitare in maniera permanente l'uso dei cookie anche su siti che sono inseriti nella lista dei siti attendibili (configurabile anch'essa), con la conseguente impossibilità di accedere alle aree che richiedono un login.

Per contro, se si è troppo permissivi nelle impostazioni si rischia di consentire la cessione dei propri dati anche a siti di terze parti. Particolarmente utili sono il blocco automatico dei popup e la protezione della messaggistica istantanea integrati in questa sezione.

Protezione di identità dovrebbe servire a rendere più sicure le transizioni effettuate on line oppure a evitare gli attacchi di phishing, però la funzione di rilevamento dei furti controllando gli elenchi di carte di credito presenti in rete e il report dei record pubblici in caso di azioni fraudolente al momento sono attive esclusivamente negli Usa.

Parental control è l'utility che consente di bloccare l'accesso ai siti indesiderati, raggruppati per categorie e settati mediante filtri avanzati. Può essere utile anche per proteggersi da link malevoli, ma è pensata soprattutto per monitorare e rendere più sicura la navigazione degli adolescenti. Forse sarebbe stato opportuno impostare una password d'accesso alle regole, perché spesso e volentieri i ragazzini sono molto più esperti dei genitori per quel che concerne l'informatica.

Infine la suite offre la panoramica dei log, la possibilità di personalizzare lo stato degli alert, ma anche alcune chicche quali la configurazione in Gaming Mode, ovvero la possibilità di escludere totalmente i popup di avviso se si sta giocando e non si desidera essere interrotti in alcun modo... a proprio rischio e pericolo, ovviamente.

ZONEALARM INTERNET SECURITY SUITE 8.0
Prezzo Euro 49,95 (Iva inclusa)
Pro Offre in un'unica soluzione numerose funzionalità che generalmente necessitano di diverse applicazioni.
Contro Nel tentativo di offrire la massima sicurezza, eccede con le misure precauzionali.
Funzionalità 4.5
Documentazione e facilità d'uso 3.5
Condizioni Commerciali 3.5
Giudizio Globale 4

Disponibile per Windows 2000, Xp e Vista, il software arriverà anche in italiano in versione pacchettizzata a partire dal prossimo 30 ottobre. Il prezzo nei negozi sarà il medesimo di quello dell'acquisto on line.

La licenza per il singolo utente dura un anno e permette l'installazione del prodotto su 3 Pc. Sul sito di Zone Alarm è possibile rinnovare il periodo di aggiornamento gratuito o optare per una formula con licenza multiutente per i singoli servizi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1336 voti)
Luglio 2020
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
Tutti gli Arretrati


web metrics