Il Veneto passa all'open source

Entro il 2012 in Veneto verranno utilizzati soltanto formati aperti per garantirne l'accessibilità.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-01-2009]

Veneto passa al software libero open source

Il Consiglio Regionale del Veneto ha deciso di passare al software libero. Con una delibera di fine novembre è stata approvata una norma "in materia di pluralismo informatico, diffusione del riuso e adozione di formati per documenti digitali aperti e standard nella società dell'informazione".

Ci si pone quindi come obiettivo di utilizzare software open source riducendo la spesa pubblica. La norma riguarda sia gli enti pubblici che quelli privati nella cui gestione sia coinvolta la regione Veneto.

Qualora si ritenesse necessario adottare software proprietario, occorrerà motivare la scelta spiegando in maniera dettagliata perché non si sia potuto utilizzare il sotware libero.

Il passaggio, considerando i tempi per l'adeguamento degli strumenti e l'addestramento del personale, è previsto entro 3 anni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Beh, tecnicamente sì nel caso medio, ovvio che se chiedi a Novell di prepararti una versione ad hoc della sua distro allora potresti finire a pagare di più... Sono balle che le licenze non costano alle aziende, microsoft ad esempio è vero che fa prezzacci per le corporate ma una volta che ti entra in azienda ti impone il costante... Leggi tutto
9-2-2009 22:17

Quindi in totale costa meno, giusto? Leggi tutto
8-2-2009 23:09

Si tenga conto però mica tutto quello che gira attorno all'opensource è gratis! Novell, Redhat fanno assistenza a pagamento, formano il personale e corrono in soccorso delle aziende che pagano contratti di formazione e assistenza. Esattamente come Microsoft.
8-2-2009 21:41

Io ero privato. Ma anche un'azienda ha assistenza solo se la paga a parte, come appunto assistenza. (e slo stesso potrebbe fare -volendo- un privato). Es. se voglio che qualcuno m'imposti un nuovo database, dvo pagare questo qualcunosia che io sia n privato sia che io sia un'azienda. Quella che non viene fornita è l'assitenza... Leggi tutto
23-1-2009 14:39

ma te lavoravi in un azienda? o era una licenza privata? capisco che il privato venga bistrattato, ma un azienda ha il supporto che riesce a permettersi. alza il telefono e un consulente o qualche appaltatore corre in aiuto. comunque mi son espresso male: volevo dire microsoft forma il personale (in un modo o nell'altro), open office... Leggi tutto
23-1-2009 13:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi grandi portali visiti più frequentemente?
Libero
Blogspot
YouTube
Virgilio
Facebook
Wikipedia
Live (MSN)
eBay
Google
Yahoo!

Mostra i risultati (4119 voti)
Agosto 2020
Mozilla licenzia il 25% dei dipendenti
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics