Windows 7 in pericolo a causa dello Uac

Lo User Account Control del successore di Vista è meno fastidioso dell'originale, ma al prezzo della sicurezza del Pc.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-02-2009]

Windows 7 UAC User Account Control

Lo User Account Control (Uac per amici e detrattori) è l'incubo di ogni utente di Windows Vista: a ogni pié sospinto appare per chiedere all'utente se pensa di essere davvero sicuro di quello che sta facendo.

Microsoft, conscia di aver messo a dura prova la pazienza dei propri clienti tramite l'Uac, ha deciso che in Windows 7 il sistema di controllo dei permessi sarà meno invasivo e, soprattutto, configurabile da parte dell'utente.

Le buone intenzioni dell'azienda di Redmond hanno però portato a un problema di sicurezza.

Per default, Windows 7 chiede l'autorizzazione dell'utente se un programma tenta di apportare cambiamenti alla configurazione del computer; invece non chiede nulla se è l'utente direttamente a operare sulla configurazione di Windows. Il problema sta nel fatto che disabilitare l'Uac è considerato un cambiamento alla configurazione di Windows, quindi non richiede conferma.

La scoperta di questo comportamento - che non è in realtà una falla, ma una conseguenza della progettazione di questo componente del sistema - è stata fatta da Long Zheng, il quale ha anche realizzato un piccolo programma in grado di disabilitare l'Uac automaticamente, senza bisogno dell'intervento dell'utente.

Per mettersi al riparo, gli utenti possono cominciare a non usare privilegi di amministrazione (chi fa parte del gruppo Standard anziché del gruppo Amministratori è più protetto, perché i cambiamenti all'Uac richiedono una password amministrativa); sfortunatamente, gli account di Vista e 7 hanno di default i privilefi di amministratore.

Oppure si può impostare l'Uac perché avvisi sempre ogni volta che vengono apportati cambiamenti alla sua configurazione.

In ogni caso chi usa Windows farà bene ad attivarsi in prima persona dal momento che Microsoft, rispondendo a Zheng, ha detto che il comportamento dell'Uac è tale by design e pertanto non sarà cambiato nella versione finale di Windows 7.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Credo che microsoft dovrebbe prendere una decisione difficile... riscrivere un sistema operativo da ZERO, incompatibile con i vecchi winzozz, con alcune caratteristiche simili a quelli apple, dove per esempio i programmi non si "installano" perlomeno nell'eccezione comune del termine, dove per installazione si parla di un gran... Leggi tutto
3-2-2009 22:54

ah ecco! :) Scusa questo modo di dire mi mancava! :lol: Comunque dai, può darsi che si troverà un compromesso intorno a questa funzionalità, in fin dei conti si chiudono le piccole falle e si lascia potenzialmente aperto un portone?
3-2-2009 18:04

E' un modo di dire, si usa per indicare quando si fa troppo di qualcosa, e facendo così va a finire che si fa più male che bene. In questo caso non si sono tolte non solo le richieste di conferma che si dovevano togliere, ma anche altre che era bene tenere. Leggi tutto
3-2-2009 12:38

mmm... eh? :D Scusa non ho afferrato
3-2-2009 12:28

Beh, se si butta via il bambino con l'acqua sporca .... :x Leggi tutto
3-2-2009 11:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la strategia ''mobile'' per il tuo web business?
Nessuna, spero che il traffico mobile diminuisca.
La versione mobile del mio sito.
Sto studiando il mobile proprio in questo periodo.
Non ho ancora piani o strategie.
Offrire app gratuite.
Sviluppare app da vendere.

Mostra i risultati (457 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Tutti gli Arretrati


web metrics