Approvata la legge antipirateria in Francia

Le conseguenze dell'approvazione della dottrina Sarkozy: cosa ci aspetta in Italia? Viviane Reding impotente: "Sta alla giustizia francese decidere".



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-05-2009]

sfr

In Francia anche il Senato ha approvato la legge Hadopi. Una schiacciante maggioranza - 189 favorevoli, 14 contrari e 109 astenuti - dà ragione alle associazioni di categoria sostenute a spada tratta dai grandi vecchi dell'intrattenimento.

Fine della telenovela d'oltralpe, in attesa delle versioni nazionalizzate e sicuramente peggiorative; almeno in casa nostra. Non sembrano condivisibili le aspettative di alcuni, che immaginano si arrivi a fine anno prima che vengano attuate le prime rappresaglie e si arrivi al famoso taglio dopo la terza diffida infruttuosa, con l'aggravante che il "disconnesso" dovrà continuare a pagare per i servizi internet di cui non potrà godere per tutto il periodo dell'oscuramento.

E' vero che la speranza è l'ultima a morire, ma lo sciovinismo d'oltralpe si basa anche sull'immaginario derivante dai "mostri sacri" nazionali; e Juliette Gréco, Piere Arditi, Michel Piccoli, Le Forestier, Bernard Murat e tanti altri in nome della cultura si sono dichiarati favorevoli alla difesa dei propri interessi; e i giudici amministrativi che saranno investiti della responsabilità dei distacchi sono ancor più proni di quelli togati alla volontà del "padre padrone" Sarkozy.

E' ovvio che se si arriverà, sulla scorta della normative europea in via di approvazione con la nuova legislatura all'obbligo di coinvolgere nel distacco un giudice togato, la questione si farà più lunga, complessa e costosa, per cui molti dei "beccati" a condividere file protetti preferiranno una transazione e un piccolo risarcimento a una causa civile e forse penale dagli esiti incerti.

E' altrettanto ovvio che nasceranno da subito programmi atti a nascondere e falsificare gli indirizzi IP, fatto di cui la giurisprudenza non potrà non tener conto nel tempo; ma nell'immediato le major hanno - e avranno per un certo periodo di tempo - la facoltà di indagare in proprio e proporre all'Autorità le perizie giurate delle proprie indagini; una pistola a salve invece che "fumante" ma pur sempre temibile e in grado di far desistere un certo numero di appassionati della condivisione.

Inutile sperare nell'immediato che i magistrati si rendano conto che l'indirizzo IP è l'equivalente di una targa d'auto e che in caso di incidente occorre risalire a chi fosse alla guida e non all'intestatario del veicolo; nella migliore delle ipotesi la giurisprudenza andrà ad affermare che chi non tiene lucchettato il proprio Pc è nella stessa posizione di chi lascia l'auto non custodita ed è perciò in qualche modo corresponsabile.

Inutile sperare anche in un futuro coinvolgimento dell'Unione Europea sulla base all'"emendamento 138" della normativa Telecom che prevederà l'obbligo di adire il magistrato ordinario prima che si effettui qualsiasi restrizione dei diritti fondamentali dei cittadini comunitari.

La Commissaria Viviane Reding ha detto di "non riscontrare nell'Hadopi alcuna violazione del diritto positivo europeo e nulla di modificativo dell'attuale situazione nel testo dell'emendamento 138" in via di approvazione.

"Ciò che io posso non amare politicamente, non è sempre illegale", ha fatto sapere la Reding tramite il portavoce Martin Selmayr. "Ci sono probabilmente dei problemi con l'Hadopi riguardo al diritto nazionale, ma sta alla giustizia francese decidere.".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)

{visnotjl}
Forse la risposta potrebbe essere qui ? Leggi tutto
2-7-2009 13:05

No, volevo dire che sono già gli editori che mettono i marcatori; un po' come succedeva con le vecche cassette per impedire la duplicazione dei film. Per cui: o proprio sarà difficile duplicare i DVD o registrare e trasferire i filmati, brani musicali ecc; o il marcatore resterà sempre lì (in definitiva potrebbe essere una specie di... Leggi tutto
15-5-2009 22:07

Non sarebbe tanto corretto però, capisco quelli che fanno queste cose per adescare i pedofili ma se cercano di ingannare così le persone sono proprio scorretti, allora se nessuno mette a disposizione files coperti da copyright e questi lo fanno e come se alimentassero la pirateria ma loro lo possono fare e gli utenti no? Leggi tutto
15-5-2009 10:51

Scusa Merlin ma non ho capito.... :-k Siccome come ho scritto in precedenza anche io ho una forte curiosità su come si possono organizzare, se ho letto bene non si va a controllare specificatamente il file che scarico, ma si mettono dei "file abbocco" magari nominandolo con il nome di un qualcosa che è protetto da copyright... Leggi tutto
15-5-2009 08:55

i conti senza l'oste... Leggi tutto
14-5-2009 23:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi la funzione di salvataggio delle password nel browser?
Sì, è molto utile
Sì, ma ora non lo farò più perché non è sicuro.
Sì, ma solo per password di poco conto.
No, per sicurezza non ho mai memorizzato alcuna password nel browser.
No, perché? Le password si possono salvare?

Mostra i risultati (5786 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics