Abolizione dell'anonimato, la Carlucci ci ritenta

Sull'onda dell'aggressione a Berlusconi, l'onorevole Gabriella Carlucci riesuma la proposta di legge censoria. Casini si erge a paladino del web libero.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-12-2009]

Legge Carlucci abolizione anonimato Internet

L'aggressione al presidente del Consiglio ha risvegliato un fantasma che pareva fortunatamente sopito: quello di Gabriella Carlucci, la quale ha colto la palla al balzo per tornare a proporre - cavalcando l'onda emotiva - il proprio disegno di legge per l'abolizione dell'anonimato in Rete, che sembrava essersi tranquillamente incagliato dopo essere approdato alla Commissione Trasporti.

Già a suo tempo la proposta venne demolita da chi davvero capisce qualcosa di Internet e delle sue dinamiche svelando la malafede o quantomeno l'ingenuità della promotrice che, con la scusa della lotta alla pedofilia, sembrava voler spianare la strada al "recupero crediti" delle società che si occupano di produrre contenuti audiovisivi.

La nuova leva sono i social network: "Internet e i social network stanno diventando, ogni giorno di più, canali e strumenti di diffusione di odio e veleno" ha dichiarato l'onorevole Carlucci, aggiungendo che "i social network non sono più luoghi di incontro e socializzazione virtuale" ma "si sono trasformati in pericolose armi in mano a pochi delinquenti che, sfruttando l'anonimato, incitano alla violenza, all'odio sociale, alla sovversione".

Sul fatto che i social network siano in mano a "pochi delinquenti" chiunque ne frequenti uno potrebbe avere qualcosa da ridire: come nel mondo reale, c'è gente di tutti i tipi; per quanto riguarda l'affermazione secondo la quale l'anonimato incoraggia la violenza, invece, qualcuno dovrebbe suggerire a Gabriella Carlucci di cambiare bersaglio: se sta pensando a Facebook e ai gruppi nati di recente, nella stragrande maggioranza dei casi gli iscritti si firmano con nome e cognome, come si può facilmente constatare anche solo con un'occhiata ai promotori delle deliranti affermazioni che incitano alla violenza.

Gabriella Carlucci continua a non rendersi conto di due cose: che non è lo strumento il problema, ma semmai le persone che praticano soltanto l'odio (categoria non limitata alla Rete), e che anche gli idioti hanno diritto a esprimere la propria opinione, esattamente come possono girare per le strade e straparlare liberamente (non a caso esiste la definizione di "discorsi da bar", eppure nessuno si sogna di chiedere la carta d'identità a ogni avventore che sproloquia).

È sicuramente molto più facile pretendere la censura piuttosto che applicare le leggi che già esistono (l'apologia di delitto su Internet è già punibile senza inventarsi nuove norme) e illudersi di poter "abolire l'anonimato" e risolvere così la questione; che qualcuno si senta più forte e ritenga lecito ingiuriare a destra e a manca solo perché si ritiene nascosto da un nick è il triste problema di un singolo codardo, non di Internet.

D'altra parte, Gabriella Carlucci ha evidentemente un debole per leggi, leggine e codicilli che regolino ogni aspetto della vita: produttiva quanto nessun altro politico, in un solo giorno è riuscita a firmare più di 200 ddl, come rivela Antonello Caporale su La Repubblica.

Intanto, comunque, il ministro Maroni proporrà al prossimo Consiglio dei Ministri (giovedì 17) una serie di norme da discutere "per garantire ai cittadini e a chi ha compiti istituzionali di poter svolgere la propria attività in piena sicurezza" su "un terreno molto delicato che riguarda la libertà di espressione sul web e la libertà di esprimere il proprio pensiero anche contro altri in pubblico, purché in modo non violento".

A fare da controcanto è l'onorevole Casini che teme un intervento "emotivo" sulla Rete, quando invece basterebbe utilizzare le leggi già in vigore: "Internet è un terreno pericolosissimo ma occorre prudenza, perché le leggi esistenti già consentono di perseguire i responsabili, la polizia postale fa un lavoro straordinario".

Casini prende a esempio gli Stati Uniti: "il Presidente Obama riceve intimidazioni inaccettabili su Internet ma a nessuno è mai venuta in mente l'idea di censurare internet, quindi attenzione su questo versante: guai a rispondere con provvedimenti illiberali"; il vero problema, semmai, sono le campagne d'odio che - a mezzo Rete o giornali - si fanno "da destra e da sinistra".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 33)

Come non quotarti. Condivido in toto quel che hai scritto. E poi, è proprio l'automoderazione della Rete che dà fastidio. Se si automodera, allora non ha bisogno di moderatori alla "Vespa". Proprio perché non riescono a schiaffarci il loro zampino, dà molto fastidio. A proposito del buon brunettolo: avete notato che è... Leggi tutto
17-12-2009 20:59

{Andrea}
Fascisti al governo= censura . Leggi tutto
17-12-2009 20:59

Bella cisco! Peccato che la gente preferisce far fare fatica agli avvocati così magari se vince porta anche a casa un po' di grana da spendere in: - lotto - macchinette - puttane - palmari anche se non sono in grado di usarli - varie ed eventuali! Nel caso però di personaggi potenti invece il guadagno è che mettono a zittire chi è... Leggi tutto
17-12-2009 19:41

Buongiorno; E' vero che la la legge punisce con l'ergastolo chiunque vieti o limiti le libertà inviolabili? Nel caso affermativo : Arrestateli! Ciao Leggi tutto
16-12-2009 21:23

E, se posso aggiungere: ti comporti come nella vita "reale". Cioè, lasci perdere, ed al limite gli rispondi a tono. Ma se proprio l'insulto è grave, lo denunci. Non riesco proprio a capire perché su Internet debba essere diverso da qualsiasi altra situazione della vita di tutti i giorni. Il buonsenso, Carlo... :wink: Leggi tutto
16-12-2009 21:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te Internet...
E' stata la più importante innovazione tecnologica degli ultimi anni.
Ha reso le relazioni umane troppo impersonali.
Ha reso più facile la vita di tutti i giorni.
E' stata un toccasana per l'economia mondiale.
E' riuscita a facilitare le relazioni umane.
Ha contribuito a confondere le identità dei popoli.

Mostra i risultati (2563 voti)
Marzo 2019
WhatsApp in crisi, Telegram guadagna milioni di nuovi utenti
I portatili HP rischiano di prendere fuoco per colpa della batteria
La rete e il mercato dei guardoni
Effetto Iliad: Vodafone dichiara 1.130 esuberi
Google: C'è una falla in Windows 7, passate a Windows 10
Intelligenza artificiale genera volti, appartamenti, manga. E gattini
Falla in Word permette di aggirare i sistemi di sicurezza
Facebook: tutti possono trovarvi dal numero di telefono, anche nascosto
USB 4, velocità sino a 40 Gbit/s e tutti i benefici di Thunderbolt
Da Western Digital la microSD da 1 Tbyte più veloce del mondo
Febbraio 2019
A proposito di quell'intelligenza artificiale di OpenAI troppo pericolosa da pubblicare
Swatch contro Samsung: Ha copiato i nostri orologi
Servi dello smartphone che ci doveva servire
Azienda italiana lascia esposto online l'intero archivio clienti
WinRAR, falla vecchia di 14 anni minaccia 500 milioni di utenti
Tutti gli Arretrati


web metrics