Videogiochi, è meglio avercelo grosso (il cervello)

Le dimensioni di alcune parti del cervello ci dicono se saremo più bravi a imparare nuove abilità.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-01-2010]

Cervello videogiochi nucleo caudato putamen

Non tutti riescono bene con i videogiochi: ci sono quelli che sembrano dotati di un'abilità naturale e quelli che invece, per quanto si impegnino, dopo aver appreso i primi rudimenti restano a un livello non particolarmente eccellente.

Secondo uno studio compiuto all'Università dell'Illinois, c'è una ragione per queste differenze, da ricercare nel diverso sviluppo di alcune aree del cervello: il nucleo caudato, il putamen e il nucleo accumbens.

I ricercatori hanno studiato 39 adulti (10 uomini e 29 donne) tra i 18 e i 28 anni, che passassero meno di tre ore alla settimana a giocare con i videogiochi, e li hanno fatti giocare a Space Fortress.

A metà di loro è stato chiesto di concentrarsi sul raggiungimento del massimo punteggio facendo attenzione alle varie componenti del gioco, mentre all'altra metà è stato chiesto di variare periodicamente la strategia (un sistema chiamato addestramento a priorità variabile, ritenuto il più adatto per migliorare le abilità utili quotidianamente).

Secondo i risultati, i giocatori con un nucleo caudato e un putamen più grandi hanno ottenuto punteggi maggiori nell'addestramento a priorità variabile, mentre quelli con un nucleo accumbens maggiore hanno ottenuto risultati migliori nelle prime fasi dell'addestramento, indipendentemente dal gruppo: quest'ultimo risultato conferma la funzione del nucleo accumbens come parte del "centro ricompense" del cervello, legato al piacere del raggiungimento di un obiettivo.

Le altre due parti sono invece legate all'acquisizione di nuove abilità, e per questo chi ha putamen e nucleo caudato di dimensioni maggiori impara più velocemente durante tutto il periodo dell'addestramento.

Le informazioni così ottenute permettono non solo di capire meglio il funzionamento del cervello, ma anche di studiare tecniche sempre più efficaci per interagire con le persone affette da disturbi neurologici.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Ecco finalmente spiegato perch non mi sono mai piaciuti i videogiochi.... a nessuno piace perdere, e io non vincevo mai, neanche al PONG! Sono proprio negato :roll:
24-1-2010 22:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai ricevuto un messaggio da un amico su un social network. Il tuo amico ti invita a fare click su un link e a mettere ''mi piace'' ad alcune foto. Cosa fai?
Certo! Me lo chiede un amico
Gli chiedo di darmi qualche informazione in pi sulle foto. Se mi risponde, faccio click sul link
Sposto il messaggio nella cartella spam e blocco il mio amico

Mostra i risultati (1209 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 dicembre


web metrics