Lo sciatore che guadagna inviando spam

Nonostante le medaglie vinte alle Olimpiadi di Torino e di Vancouver, Dale Begg-Smith non ha molti ammiratori: avrebbe costruito la propria fortuna sull'invio di spam e malware.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-02-2010]

Dale Begg-Smith spam sci

Pare che Sanford "Spamford" Wallace abbia trovato un contendente per il titolo di "Re dello spam": si tratta dello sciatore Dale Begg-Smith, attualmente impegnato alle Olimpiadi di Vancouver.

Begg-Smith, nato canadese ma diventato australiano sei anni fa, vinse nel 2006 la medaglia d'oro a Torino e, quest'anno a Vancouver ha ottenuto quella d'argento nella gara di freestyle Mogul, senza riuscire a entusiasmare in modo particolare nessuna delle sue due patrie, anche per la freddezza che ostenterebbe in ogni occasione.

L'accusa di aver accumulato una fortuna tramite l'invio di spam - e il coinvolgimento nella diffusione di spyware e adware - proviene da un giornale australiano, che indica le aziende dell'atleta come "origine degli spyware che possono redirigere un computer verso siti pornografici o installare software che inonda il computer con pubblicità pop-up".

Su Facebook sono già nati dei gruppi che chiamano Begg-Smith "traditore" e gli affibbiano altri appellativi ancor meno simpatici: i canadesi non gli hanno perdonato né il cambio di cittadinanza né le sue attività extrasportive con società come la AdsCPM, le cui iniziative pubblicitarie sono state classificate come adware dagli esperti di malware.

Gli australiani non sono molto più entusiasti dei canadesi: i risultati nello sci non hanno permesso a Dale Begg-Smith di ottenere articoli celebrativi sui giornali, tanto che il Sydney Morning Herald ha titolato un pezzo su di lui "Perché Mr Miserabile ci lascia freddi come il ghiaccio".

Occorre dire che Begg-Smith ha sempre negato le accuse sostenendo di limitarsi a produrre software perfettamente legale, non adware né pop-up, e che le accuse non sono ancora state provate.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Condannato a due anni e mezzo di carcere il re dello spam
L'inventore dei pop-up chiede scusa

Commenti all'articolo (5)

Tron_hiamogli le gambe, all'altezza del ginocchio, almeno così non scia più! LO STR_NZO! :twisted: se c'è una cosa che non sopporto è lo SPAM!
22-2-2010 12:33

Non è una bella è illegale, immorale come cosa e non credere che si guadagni così tanto alla fine, guadagni col malware solo se sei un pezzo forte e investi tanti soldi in società apposite come questo sciatore qui che giustamente ora viene cazziato almeno moralmente. I soldi si fanno coi soldi di solito ;) Il tuo amico forse è entrato... Leggi tutto
19-2-2010 20:33

naturalmente dei malware!!! come dimenticare uno del liceo che non studiava mai ma s è unito a un gruppo che all'inizio vendeva giochi della playstation poi non ho capito bene cosa si siano messi a fare ma credo c'entri il porno e siti e spam: avrà già superato il milione di euro. anche se non so se lavorava per qualche mafia, so solo... Leggi tutto
19-2-2010 19:06

Nel giro dello sci o del malware a pagamento ? Leggi tutto
19-2-2010 17:28

a essere di quei fortunati che entrano nel giro.....
19-2-2010 12:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa pensi della domotica?
Se ne parla da almeno dieci anni ma di applicazioni pratiche ne ho viste ben poche.
I prodotti disponibili sono troppo costosi, non hanno mercato.
E' il futuro ma qualcosa si vede già oggi.
Si possono ottenere dei discreti risultati senza svenarsi: basta la propensione al "fai da te" e un po' di hacking.
Prima che io finisca di rispondere a questo sondaggio... il frigorifero avrà fatto la spesa on line da solo e il forno avrà deciso la mia cena sulla base dei miei gusti e degli ingredienti che ho in casa, mentre sullo smartphone mi sarà apparsa l'immagine di un venditore di aspirapolveri che ha appena suonato al citofono. Ma ovviamente a pulire i pavimenti ci pensa il robottino.

Mostra i risultati (1426 voti)
Aprile 2020
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Tutti gli Arretrati


web metrics