Attacco a Google, il movente era il furto

L'attacco di gennaio aveva come obiettivo la sottrazione di codice sorgente. Le autorità di Pechino promettono rappresaglia contro gli hacker, che ogni mese sarebbero responsabili di un miliardo e mezzo di attacchi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-03-2010]

Google Cina indagini attacco hacker

Non era né una bravata di studenti né un test di abilità l'attacco portato contro Google e diverse altre aziende a metà gennaio, ma aveva un obiettivo ben preciso: la sottrazione di codice sorgente.

I risultati delle indagini, tuttora in corso, hanno spinto Pechino a voler collaborare con Google per venire definitivamente a capo del mistero, a patto che vengano presentate le prove: "Se Google ha le prove che gli attacchi sono venuti dalla Cina, il governo cinese accoglierà con piacere le informazioni e punirà severamente i responsabili" ha dichiarato il viceministro per l'industria e l'informatica, Miao Wei.

Dopotutto il maggior motore di ricerca non ha ancora presentato una denuncia scritta, cosa che le autorità di Pechino non hanno mancato di far rilevare.

Nonostante i propositi di collaborazione, la tensione tra Stati Uniti e Cina non è ancora calata entro i livelli di sicurezza: la possibilità che Google abbandoni il mercato asiatico non è definitivamente tramontata e la Cina, per la quale la presenza di Google sarebbe gradita per dimostrare la propria apertura e la bontà delle proprie leggi, ha fatto sapere che un'eventuale uscita non sarebbe indolore.

"Se la società sceglie di ritirarsi dal mercato cinese" - ha dichiarato ancora Miao Wei - "deve far fronte a certe procedure secondo la legge e i regolamenti e affrontare i problemi dei clienti che dovessero emergere".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali autorizzazioni hai concesso alle applicazioni presenti sul tuo dispositivo mobile?
Non limito l'accesso alle app sul mio dispositivo
Di solito concedo le autorizzazioni su richiesta e non ci penso più
Concedo le autorizzazioni a seconda dell'applicazione e delle sue funzionalità
Non posso modificare le autorizzazioni delle applicazioni

Mostra i risultati (975 voti)
Novembre 2019
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Tutti gli Arretrati


web metrics