No all'autorizzazione scritta per andare in bagno

Obbligava i dipendenti a chiedere per iscritto il permesso per andare in bagno. Il Garante per la privacy: è illegittimo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-04-2010]

toilette

In Italia c'è anche questo: un datore di lavoro obbligava i propri dipendenti che volevano recarsi nei servizi igienici a chiedere il permesso in forma scritta.

Perfino il Garante per la privacy è stato chiamato a esprimersi e ha sentenziato che questa procedura è illegittima proprio perchè lesiva del diritto alla riservatezza del lavoratore.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

tipo i dipendenti stessi Leggi tutto
12-4-2010 21:24

Tipo il Garante per la Privacy? Leggi tutto
12-4-2010 14:56

no al permesso scritto... siamo nel 2010 e tra adulti e vaccinati, non nel 1980 e alla scuola elementare! però è vero che il bagno è luogo di sveltine, e perchè no di chiamate telefoniche extra-lavoro.. sarebbe allora meglio una telecamera dentro il bagno che riprenda all'altezza di 1 metro, appunto per controllare che non venga perso... Leggi tutto
12-4-2010 14:02

C'è poco da scherzare! Chi ha qualche anno in più come me si ricorda benissimo dei periodi nei quali gli operai e le operaie di linea NON POTEVANO andare in bagno quando ne avevano bisogno, ma solo quando il capetto glielo permetteva! E c'era poi il sorvegliante che cronometrava quanto tempo ci stavano in bagno, con sanzioni... Leggi tutto
12-4-2010 10:18

{carlo}
Sentenza fondamentale: dimostra che le leggi e il garante sulla privacy non servono a una mazza! Che senso ha vietare il permesso scritto, se poi tutti sanno comunque se, chi e quante volte va in bagno? La privacy dovrebbe proteggere una qualche notizia, ma qui tutti lo sanno: cosa protegge questa sentenza?
8-4-2010 21:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai una carta fedeltà o di raccolta punti?
Ebbene sì, ne ho diverse. E non ci trovo niente di male.
Mi sono lasciato infinocchiare. Ne ho qualcuna e mi vergogno un po'.
Lungi da me!

Mostra i risultati (2438 voti)
Luglio 2020
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Tutti gli Arretrati


web metrics