La moda del Weblog

Anche nel Web italiano si sta diffondendo sempre di più la moda del Weblog, il diario sulla Rete, un genere letterario nuovo. E' un po' diario classico, un po' forum internettiano, un po' sito intimistico, un po' sito che riflette gli interessi professionali e culturali dell'autore. Cerchiamo di capire un po' di più di questa nuova moda.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-05-2002]

Dagli Usa è arrivata Internet e dagli Usa ci arrivano, in continuazione, tic e manie, luoghi e forme sempre nuove della comunicazione internettiana, che noi facciamo nostre, spesso italianizzandole un po'. L'ultima moda della Rete è il cosiddetto Weblog.

Che cos'è un Weblog? Non ne esiste una definizione univoca: possiamo dire che è un sito ("Web") che tiene traccia e propone tracce ("log"). Il Weblog sta a metà strada tra Web e forum: è un ambiente dove il navigatore può rimanere passivo leggendo notizie, oppure rendersi attivo commentando le notizie scritte da altri, integrandole o scrivendone di sue. Da un Weblog può nascere una comunità di navigatori che condividono gli stessi interessi culturali, hobbistici e professionali.

In genere il sito ha una struttura molto semplice, con due colonne laterali contenenti menù e riquadri vari e la parte centrale, dove vengono collocati gli articoli. Quasta parte centrale è il cuore del Weblog e contiene le storie. Una storia è il testo inviato da un navigatore che, dopo essere valutato dalla redazione, compare con una data in questa parte centrale; il primo della lista è l'ultimo arrivo in ordine cronologico.

Il Weblog, chiamato comunemente "blog" (mentre gli autori sono definiti "bloggers"), può essere molto intimistico, molto specialistico o molto "politico" ma è sempre una forma aperta di comunicazione: un'opera "aperta" per definizione, utilizzando la categoria usata ed abusata di Umberto Eco.

Un esempio importante di weblog è il sito, in inglese, Slashdot, un sito per utenti esperti di tecnologia ed appassionati di Weblog, da cui è nato Slashcode, un programma che serve per costruire un Weblog.

In Italia segnaliamo Bloggando.com, la prima directory italiana dei weblog, che insegna a farsi un proprio Weblog, che raccoglie le segnalazioni e le esperienze dei bloggers italiani, con una raccolta divisa per Sezioni, dal Computer ed Internet ai blog più personali a quelli politici, del genere in Italia.

Infine segnaliamo un sito esemplare per tutto il genere: Weblogz, il sito di Martina Zavagno, giornalista esperta di web marketing e giocatrice a livello agonistico di pallacanestro (il sito rivela ambedue le passioni): è un diario quotidiano sul marketing on line, su ciò che esce in libreria (e in Rete) sull'argomento, su quello che si muove in Rete per quanto riguarda la comunicazione politica e sociale. E' un esempio di come la comunicazione tipica dei "blog", anche quando tocca argomenti professionali, diventa calda, personale e originale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (2120 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 agosto


web metrics