YouTube e il pulsante vuvuzela

Nostalgia dell'irritante suono delle trombe da stadio? Ora YouTube permette di aggiungerlo ai video in riproduzione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-06-2010]

YouTube pulsante vuvuzela

Mentre le televisioni cercano di filtrare l'irritante e probabilmente dannoso suono delle vuvuzela che risuona negli stadi sudafricani durante questi Mondiali, YouTube s'inventa un modo per aggiungerlo ai video.

Chi sente la mancanza del rumoroso ronzio non deve fare altro che premere il pulsante a forma di pallone da calcio posto in calce ad alcuni video (anche non correlati allo sport) e coprire così l'audio originale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

{HS}
> perchè Youtube spenda soldi, menti, tempo e risorse O magari lo fanno solo per far parlare di Youtube.
30-6-2010 20:27

Ciò che è "interessante" per te magari non lo è per un altro, ricordatelo. E ricorda anche che l'obiettivo finale di Google è fare soldi (come qualsiasi azienda) quindi ogni scelta è dettata da questo fine. Ci avranno pensato e avranno giudicato remunerativa la cosa, magari non monetariamente ma in termini di click, di... Leggi tutto
30-6-2010 10:15

Quelle sono cose interessanti, il suono di uno sciame di mosche no XD
29-6-2010 23:33

perché evidentemente qualcuno le apprezza :-) cosi' come il cambiamento del logo, o il gioco del pacman, o la scelta dello sfondo.
29-6-2010 12:44

Mi chiedo perchè Youtube spenda soldi, menti, tempo e risorse per fare queste immani puttanate...
29-6-2010 00:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali tra queste informazioni ti piacerebbe che fossero rese pubbliche?
I provvedimenti sanitari relativi a bar, ristoranti e altri locali pubblici.
Il casellario giudiziale con le fedine penali dei cittadini.
Le valutazioni sulle performance degli insegnanti scolastici e dei professori universitari.
Le transazioni immobiliari effettuate da ciascun cittadino.
I mutui accesi da ciascun cittadino.
Le dichiarazioni dei redditi di ciascun cittadino.

Mostra i risultati (1889 voti)
Aprile 2020
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Tutti gli Arretrati


web metrics