Redmond - Mosca, viaggio di sola andata per gli armamenti digitali

Riflessioni sull'apertura di Microsoft ai russi del codice di Windows 7.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-08-2010]

bz

Alcune settimane i giornali avevano pubblicato la notizia che Microsoft avrebbe aperto tutto il codice di Windows 7 al FSB, cioè al servizio federale di sicurezza russo.

Così dopo Facebook che sta trattando addirittura la cessione di alcuni brand a OAO Mobile TeleSystems e OAO Megafon - evidentemente con il placet dell'esecutivo USA - anche Microsoft avrebbe consegnato una parte dei gioielli di famiglia.

Da Redmond hanno confermato il buon fine delle trattative con diverse agenzie governative sovietiche, precisando che l'apertura dei codici "permetterà lo sviluppo di nuovi programmi per la cifratura dei dati". Inoltre la consegna dei sorgenti non riguarderebbe soltanto Windows 7, ma si estenderebbe anche a Windows Server 2008, Office 2010 e SQL Server.

La cosa più sorprendente nel voltafaccia americano è che non molti mesi addietro Microsoft preferì uno scontro con l'Unione Europea, subendo la condanna a pagare un mucchio di quattrini per ogni giorno di ritardo, avendo ricusato di svelare anche solo in parte il codice della sua suite per ufficio.

D'altra parte non è neppure la primissima volta che il gigante di Redmond cede alle pressioni commerciali e alle superiori esigenze politiche del momento; infatti già nel 2002 aprì ai russi i sorgenti di Windows 2000, Windows XP e Server 2000.

Parimenti vengono rinfocolate le polemiche sui problemi di sicurezza, già sollevate da alcuni esperti nel settore, che temono la scoperta e l'uso di nuove falle tanto più pericolose quanto più nascoste.

Non sembra tuttavia condivisibile l'accusa di "irresponsabilità" scagliata contro Microsoft, perché quanto avvenuto è solo la punta di un iceberg di cui si ignorano completamente estensione e profondità; se di recente persino Google si è dovuta in qualche nodo piegare alle pressioni del governo cinese, di certo ci saranno state contropartite di natura economica, finanziaria e anche politica, solo in parte ipotizzabili da un'Unione Europea che da troppo tempo si trova costretta nell'angolo buio dei mercati internazionali o nel sottoscala della produttività.

Motivo di più - anche senza indulgere alle solite accuse di paranoia - per scegliere definitivamente ed esclusivamente software open source; ma chissà se, e quando, i governanti europei si sapranno sottrarre consapevolmente alle sirene di Microsoft.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Il software close decompilato manca delle note che ci mette il programmatore, ma visto che di solito sono scemenze o non ci perdono tempo... Ecco la differenza! :lol: I russi ( posso confermarlo di persona, genericamente quasi tutti dall'EST) sono della gente strabiliate in informatica e costano pochissimo! metti poi gli accordi... Leggi tutto
21-9-2010 20:42

Interessante :roll: motivo in più per restare al sistema dove sono ora (pinguino) cmq io non sono in esperto ma sicuramente anche con varie tecniche un software close rimarrà più difficile da capire rispetto al codice già aperto... inoltre come mai mamma Ms lo fa in russia e non in europa? :twisted: non è equo c'è qualcosa sotto..... Leggi tutto
20-9-2010 21:56

Parte il fatto che un codice Close può essere letto tranquillamente decompilandolo o analizzato con dei software direttamente quando è ancora binario, scoprendo falle e backdoor (la più famosa è quella Windows "Quei di Netscape sono scemi") e altri mezzucci hack. C'è da notare che in Russia ci sia lo sviluppo di reactOS che è... Leggi tutto
1-9-2010 20:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi non ha pagato l'assicurazione auto verrà individuato grazie a una serie di controlli incrociati con videocamere stradali e dati del Ministero. Che cosa ne pensi?
L'uso della tecnologia è diventato troppo invadente. Ogni giorno ci viene sottratta un'ulteriore fetta di privacy.
Ben vengano i controlli, se servono a diminuire le tasse (o i premi di assicurazione) di quelli che onestamente le pagano.
Il provvedimento va a colpire soltanto i disperati, che con la crisi cercano di arrangiarsi.
I veri evasori non si faranno certo acchiappare con questi mezzucci.
Prima di tutto bisognerebbe abbassare i costi delle assicurazioni.
Io non pago né l'assicurazione auto, né il canone Rai, né niente!
Viaggio solo in autobus o in bicicletta, non mi riguarda.

Mostra i risultati (2181 voti)
Settembre 2019
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
L'analisi del sangue che predice quando moriremo
Bug negli iPhone, ritorna il jailbreaking
Tutti gli Arretrati


web metrics