Agcom: Internet non ucciderà la TV

Corrado Calabrò prevede la coesistenza pacifica di TV tradizionale e TV on demand via Internet. Ma occorre investire subito nella banda larga.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-09-2010]

Calabrò AgCom Internet non ucciderà TV on demand

In molti l'hanno pensato: con l'arrivo - si spera un giorno anche in Italia - di apparecchi come la Apple TV e la Google TV il destino della televisione tradizionale, fatta di palinsesti e programmi che iniziano a ore prefissate, è ormai segnato.

L'evoluzione della TV sta nei video on-demand e già adesso qualcuno - pochi, per la verità - ha iniziato a spostarsi verso YouTube e i servizi di streaming, per poter vedere quello che vuole come e quando lo vuole. Il tutto via Internet.

Corrado Calabrò, presidente dell'Agcom, non nega la fondatezza di questa visione, ma ritiene che tutto ciò non comporterà il venir meno della televisione tradizionale.

Parlando a Eurovisioni, il Festival Internazionale dell'Audiovisivo, Calabrò ha affermato che "Internet non ucciderà la tv, ma ne aumenterà il valore" e che "il modello on demand" non andrà "a sostituire quello lineare".

La coesistenza delle due alternative sarà inevitabile perché "Pur con tutti i vantaggi di libertà di scelta e fruizione offerti dal Web, il broadcasting in diretta resta comunque insuperabile per catturare l'attenzione di larghe masse per lunghi periodi".

Perché in Italia cresca anche il modello più recente occorre tuttavia che si lavori seriamente sullo sviluppo della banda larga, e per questo mercoledì incontrerà Franco Bernabè - AD di Telecom Italia - e giovedì gli altri operatori.

Resta poi un ulteriore punto che avrà la sua rilevanza sullo sviluppo dei nuovi sistemi di distribuzione dei contenuti: la protezione dei diritti.

In questo campo Calabrò ritiene che iniziative come quella francese, che prevede pesanti sanzioni per chi condivide in Rete i contenuti di cui non detiene i diritti, non siano applicabili in Italia, e che un eventuale tentativo potrebbe solo "strozzare la libertà che viaggia su Internet e che ci ha consentito di vedere ad esempio quello che è accaduto in Iran".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Per sempre no... quando tra 30 anni le centrali e i dslam cadranno a pezzi e dovranno cambiarle allora anche i piccoli centri urbani avranno internet a 7 mega (teorici) :shock: pazzesco... Leggi tutto
23-9-2010 03:24

e basta dire che bisogna investire in adsl tanto sappiamo benissomo che si farà sempre e solo nei centri urbani da una certa dimensione in +. per tutti gli altri solo servizi scadenti. così è e così sarà. PER SEMPRE
21-9-2010 19:52

O sarà la TV che si strafoga l'internet??
21-9-2010 08:34

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I cartelli di avviso inducono gli automobilisti a manovre di emergenza, frenando di colpo per poi accelerare nuovamente una volta passato l'autovelox. È allo studio un progetto di rimuovere tutte le segnalazioni anche da app e navigatori: sei d'accordo?
Sì, le strade saranno più sicure
No, servirà solo ad aumentare le multe

Mostra i risultati (2258 voti)
Novembre 2020
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
Tutti gli Arretrati


web metrics