YouTube, vittoria sul copyright

Smontata l'accusa di Telecinco: in Spagna Google non è tenuta a vigilare sul diritto d'autore. Ma in Italia sì, Mediaset docet.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-09-2010]

YouTube Telecinco copyright vittoria di Internet

"È materialmente impossibile controllare tutte i video messi a disposizione degli utenti, dato che ve ne sono oltre 500 milioni": con questa considerazione, che pare dettata principalmente dal buon senso, il tribunale spagnolo chiamato a giudicare le accuse lanciate da Telecinco a YouTube per violazione di copyright ha dato ragione alla piattaforma di condivisione video, con una sentenza che Google già definisce "una grande vittoria per Internet".

Telecinco, nell'accusa, riteneva YouTube responsabile per i video caricati illecitamente dagli utenti: in particolare, secondo l'emittente il servizio avrebbe dovuto attivamente ricercare, identificare e cancellare ogni filmato costruito su contenuti di proprietà di Telecinco e caricato da utenti privati, dunque non titolari dei diritti d'autore.

La stessa accusa era stata mossa in Italia da Mediaset, e la strategia si era rivelata vincente: il giudice aveva ritenuto inoppugnabili le motivazioni di Mediaset; per questo nella sentenza imponeva a YouTube di rimuovere i video oggetto del contendere e di prevenire il caricamento di contenuti che violassero il copyright.

"Gli oneri tecnologici per il rispetto del diritto d'autore non possono essere a carico di chi ne è titolare" sosteneva il tribunale di Roma.

Al contrario, la giustizia spagnola ritiene che sia proprio il titolare a dover curare la difesa dei propri diritti, e per due motivi: in primo luogo, perché YouTube non può controllare tutti i video caricati da tutti gli utenti, ossia un'enormità di dati; in secondo luogo, perché la piattaforma mette a disposizione dei titolari gli strumenti per compiere il lavoro.

Se infatti Mediaset, e così Telecinco, accettassero di utilizzare la tecnologia VideoID, avrebbero un certo grado di controllo sui contenuti illegali; invece hanno preferito ignorare l'offerta di YouTube (accettata invece con gioia dagli altri produttori di contenuti) e rivolgersi alla giustizia, nella speranza di rovesciare il lavoro sporco su YouTube stessa.

La sentenza spagnola è importante anche per un altro motivo: escludendo la responsabilità di YouTube, ne riconosce di fatto la natura esclusiva di intermediario quale piattaforma di hosting.

"Questa legge definisce il giusto punto di equilibrio: tutela gli interessi dei detentori di diritti e consente a piattaforme come YouTube di operare" - scrive Google sul blog ufficiale - "e riflette la saggezza della normativa europea in materia di copyright".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Ogni batosta sui denti a questi censuratori di internet Ŕ una gioia. Spero che ce ne arrivino sempre di pi¨ e sempre pi¨ forti.
26-9-2010 12:36

D'altra parte Ŕ risaŔuto, si stava meglio quando si stava peggio, non Ŕ vero...?
25-9-2010 13:12

OXO mi ha tolto le parole di bocca ma credo balenerÓ a "tutti" la stessa considerazione la magistratura comunista che ormai governa li-taglia non Ŕ riuscita a portare avanti il suo intento qua dove invece la giustisia ha assicurato il rispetto di mediazet e dei suoi profitti purtroppo la spagna soffre questa grave crisi da... Leggi tutto
24-9-2010 22:26

Attendiamo a gloria le prime reazioni del nostro Premier: vuoi vedere che anche in Spagna la magistratura Ŕ deviata da un golpe comunista...? :lol: L'ennesima dimostrazione della progressiva ma inesorabile erosione della legalitÓ nel nostro Belpaese, piegato agli abusi di potere e agli interessi economici di un solo uomo: altrove,... Leggi tutto
24-9-2010 09:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Con quale di queste affermazioni concordi maggiormente?
Il Governo sta facendo troppo poco per portare la banda larga anche nelle zone pi¨ remote.
Il Governo riuscirÓ a migliorare la diffusione della banda larga.
Il Governo vorrebbe fare di pi¨ per la diffusione della banda larga, ma mancano le risorse.
Il Governo non sta facendo abbastanza per reperire risorse per la banda larga.
Al Governo non frega nulla della banda larga a meno che qualche lobby o qualche gruppo finanziario o industriale gliela chieda; a quel punto troverÓ il modo di mettere una nuova tassa ai pensionati o ai lavoratori dipendenti per reperire i fondi.

Mostra i risultati (3289 voti)
Dicembre 2019
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Tutti gli Arretrati


web metrics