Brevetti, Paul Allen torna alla carica

Il confondatore di Microsoft ripresenta le accuse. Se il tribunale gli darà ragione ci saranno serie conseguenze per Android.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-12-2010]

Paul Allen brevetti Android Google

Paul Allen è tornato alla carica: sfruttando il tempo concessogli dal tribunale che aveva respinto le sue accuse verso Google, Apple, Facebook e altri per questioni di brevetti, ha ripresentato le proprie istanze, stavolta precisandole meglio.

Secondo Florian Müller, noto per essere il fondatore della campagna NoSoftwarePatents contro i brevetti software, se le accuse venissero confermate dal tribunale potrebbero esserci problemi seri per gli utenti di Android.

Il sistema operativo di Google è già stato accusato da Apple di violare alcuni brevetti e Allen non fa altro che aggiungersi alla lista di quanti provano a fermare Android per vie legali.

"Se Google dovesse ricevere un'ingiunzione come risultato della causa" - scrive Müller nel proprio blog - "l'esperienza utente dei proprietari di telefoni Android subirebbe un degrado molto serio": le richieste di Allen, infatti, riguardano sia aspetti legati al funzionamento del sistema in sé che l'Android Marketplace.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Si! In America le spese legali non sono da ridere! Moltissime mega-aziende sono fallite quando hanno dovuto pagarle. :roll: Dunque non rimarrà come è. :roll: :wink: Ciao Leggi tutto
7-1-2011 01:06

Beh, penso rimarra tutto com'è e forse gli tocceranno pure le spese.... o no :? Leggi tutto
6-1-2011 10:20

E se perde? Già era impossibile che vincesse. Adesso è ridicolo, ma ricorda tanto la SCO. :twisted: Ciao
30-12-2010 20:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si è trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi città: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, è solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai né a Milano né in altre grandi città.

Mostra i risultati (2298 voti)
Luglio 2020
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Tutti gli Arretrati


web metrics