Ha perso le elezioni, fa causa a Facebook

Contava sul social network per accumulare migliaia di voti. Ma Facebook all'improvviso gli ha chiuso l'account.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-03-2011]

Perde elezioni fa causa a Facebook

Majed Moughni, politico americano, non è stato eletto al Congresso. Forse la sua campagna è stata fiacca, o forse gli elettori gli hanno semplicemente preferito l'avversario, ma lui sostiene che la colpa è di Facebook.

Moughni, candidato repubblicano nel Michigan, ha fatto causa a Facebook per avergli rovinato il piano astutamente congegnato che gli avrebbe permesso di vincere le elezioni.

"Avevo escogitato un piano per usare Facebook al fine di accumulare migliaia di amici, che in cambio avrebbero diffuso il messaggio", ossia "Votate per Moughni", si legge nei documenti depositati.

Facebook, però, ha rovinato tutto chiudendo all'improvviso l'account del politico, che allora contava 1.600 amici, e impedendogli di vincere: per la cronaca, i voti raccolti gli hanno permesso di arrivare quarto. L'articolo continua sotto

Così ora Moughni pretende non un risarcimento in denaro, ma un'ordinanza che imponga al social network di garantire un "diritto di appello" agli utenti che si vedono l'account chiuso dall'oggi al domani.

Facebook, dal canto proprio, ha fatto sapere tramite il portavoce Andrew Noyes che la chiusura è stata decisa a causa di "comportamento sospetto o anomalo" da parte del titolare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

Sarei portato a quotare Gladiator ed applaudire feisbuk, che non mi vede tra le sue file, senonché, conoscendo un po' gli americani e i loro sistemi, NON sospettassi che la cancellazione dell'account del tipo, sia avvenuta NON per "onestà" intellettuale, ma sotto la spinta di un avversario. NON dimenticatevi che in america... Leggi tutto
8-3-2011 18:51

Solitamente non sono molto tenero nei confronti di FB però stavolta hanno il mio plauso, in effetti definire "comportamento sospetto o anomalo" quello del personaggio in questione è persino riduttivo. Ma cosa faceva diffondeva le sue idee politiche tramite FB e pensava poi di "costringere" tutti i suoi amici a votare... Leggi tutto
7-3-2011 19:40

Direi che la cosa più preoccupante ed imbarazzante è il concetto di rappresentanza politica che questo individuo persegue... :shock:
7-3-2011 16:36

Esempio da manuale della clausola del Gatto Sitwoy Leggi tutto
7-3-2011 14:47

Mumble mumble... Già il fatto che un 'aspirante' al congresso degli USA puntelli la sua campagna elettorale su FB mi darebbe da pensare. Il fatto che abbia deciso di fare causa a Mark Zuckerberg mi dissipa tutti i dubbi e le incertezze: il personaggio in questione è proprio un minus habens, ed in quanto tale non merita più, da parte... Leggi tutto
6-3-2011 20:26

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior vantaggio? (vedi anche gli svantaggi)
Sarà più comodo viaggiare: non dovremo preoccuparci di guidare e avremo più tempo libero a disposizione.
Potranno spostarsi in auto anche i non vedenti, gli invalidi o in generale le persone non più in grado di guidare.
Si risparmierà carburante grazie all'ottimizzazione: niente accelerazioni o frenate brusche, rispetto dei limiti di velocità e così via.
Con il Gps incorporato ci si smarrirà di meno e non sarà necessario consultare mappe o chiedere indicazioni.
Ci sarà maggiore sicurezza e meno incidenti: niente ubriachi al volante o anziani non più in grado di guidare. Zero distrazioni, zero stanchezza, zero errori del conducente (causa del 90% degli incidenti).
Ci sarà meno traffico: potremo più facilmente condividere un'auto in car sharing che ci venga a prendere e ci porti dove desideriamo andare, trovando parcheggio da sola o rimettendosi a disposizione della comunità.
La casta dei tassisti non avrà più ragione di esistere e sarà finalmente azzerata.

Mostra i risultati (1591 voti)
Novembre 2019
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Tutti gli Arretrati


web metrics