Aruba risarcirà gli utenti spontaneamente

L'azienda indennizzerà i clienti colpiti da disservizio a causa dell'incendio della server farm.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-05-2011]

Aruba ha deciso di rimborsare i clienti dopo i disservizi causati dal principio d'incendio nella server farm di Arezzo.

La decisione - precisa l'azienda - è stata presa «spontaneamente» e non è motivata da alcun accordo con le associazioni di consumatori.

Già dallo scorso 13 maggio Aruba sta avvisando via email i propri utenti della volontà di indennizzarli per quanto accaduto, ma finora non aveva voluto fare pubblicità alla cosa.

I risarcimenti potranno prendere varie forme, dal buono sconto di 5 euro per i prodotti FotoAruba al prolungamento del contratto fino all'attivazione gratuita di un servizio Business Mail.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

Che tra l'altro in questi giorni è spesso sugli scudi... Però, purtroppo, non è l'unica... :evil: Leggi tutto
22-5-2011 18:59

Ogni riferimento ad azienda giapponese è puramente voluto... :evil: Leggi tutto
22-5-2011 16:17

Infatti Gladiator, molti si sono lamentati e già erano pronti a far cause su cause per esser risarciti delle immani perdite dei loro inutili servizi! Appena uno vede uno spiraglio per portar a casa due soldi subito ci si butta!
21-5-2011 14:59

Avevo già commentato positivamente la reazione di Aruba al guasto occorsole, questa iniziativa non fa altro che rafforzare il mio apprezzamento nei confronti di un'azienda che - cosa molto rara nel panorama attuale - ha deciso di indennizzare i propri clienti per i disservizi causati senza attendere alcuna richiesta o che venga avviata... Leggi tutto
21-5-2011 14:25

Finalmente una lodevole iniziativa da parte di un'azienda a tutela dei propri clienti... :shock:
20-5-2011 16:28

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto usi il tablet?
Molto. Ce l'ho sempre con me.
Almeno una volta al giorno.
Non tutti i giorni.
Raramente.
Non lo uso quasi mai.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (1531 voti)
Settembre 2017
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
L'appuntamento online più imbarazzante della storia?
Bug in Android Oreo consuma tutto il traffico dati
Addio torrent, i pirati ora sono su Google Drive
YouTube Mp3 si arrende alle major
iPhone 8, Apple fissa la data di lancio
Agosto 2017
Il BlackBerry che soppianterà iPhone e Galaxy
40 anni di ''segnale Wow''
Antibufala: Barcellona, venditori ambulanti preavvisati dell’attentato!
Il ''cop button'' di iOS 11 dà manforte ai criminali
Motorola brevetta lo schermo che si ripara da solo
Accesso a reti Wi-Fi
Tutti gli Arretrati


web metrics