BlueStacks porta le app Android su Windows

Le app più amate sugli smartphone funzioneranno anche sul PC. Un giorno accadrà anche il contrario.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-05-2011]

BlueStacks App Android sotto Windows

Una delle ragioni della popolarità degli smartphone è l'ampia scelta di app che vi si possono installare.

Molti utenti, felici del proprio dispositivo con Android, vorrebbero poter usare i software apprezzati sul telefonino anche sul PC ma i loro desideri al momento sono destinati a restare tali.

Partendo da queste considerazioni è nata BlueStacks, una start-up (che ha appena raccolto 7,6 milioni di dollari di finanziamento) che ha il preciso scopo di portare la app per Android sotto Windows.

Rosen Sharma, CEO dell'azienda ed ex CTO di McAfee, spiega che «l'idea è molto semplice» e gli è venuta in mente quando la figlia di un altro dirigente di BlueStacks si è lamentata perché non poteva usare sul netbook le stesse applicazioni che aveva sullo smartphone.

«Il numero di persone che vogliono qualcosa del genere è molto, molto ampio, sia tra gli utenti consumer che tra quelli enterprise» ha illustrato Sharma.

Considerato l'elevato numero di soggetti che stanno sviluppando la propria app per essere presenti nel settore mobile, l'apparizione di un sistema che permetta di usare lo stesso software sui PC ha un potenziale di successo molto elevato.

A giugno o a luglio verrà dunque rilasciata una prima versione beta, gratuita, del software necessario per far girare le app Android sotto Windows. La versione finale, di cui ancora non è stato fissato il prezzo, è attesa per il quarto trimestre.

Non tutte le applicazioni funzioneranno sin da subito: quelle che non sono state scritte per essere cross-platform ma fanno uso di codice nativo ARM e quelle sviluppate con il Native Developer Kit di Google dovranno attendere.

La diffusione dei touchscreen - Sharma prevede che entro due anni tutti i laptop ne avranno uno - spianerà la strada a questo tipo di software, almeno nelle previsioni del CEO; in ogni caso, già ora molte applicazioni possono funzionare egualmente bene con tastiera e mouse.

Tra gli obiettivi a lungo termine di BlueStacks c'è infine un progetto ambizioso: permette alle applicazioni per Windows di funzionare sugli smartphone (e sui tablet) Android.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

{paolodelbene}
gi non concepisco il motivo per cui bisogna utilizzare applicazioni GNU General Public License su sistemi come windows, mac os x, freebsd, netbsd, openbsd, figurarsi vedere applicazioni che sono software non libero sul kernel linux che google ha pensato bene di violare. http://lists.gpl-violations.org inquietante quante violazioni... Leggi tutto
29-5-2011 13:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo una ricerca dell'Australian Relationship Queensland, tra tecnologia e solitudine esisterebbe un collegamento. Secondo te:
la solitudine che spinge le persone a usare "pi tecnologia".
l'utilizzo massiccio di tecnologia che porta le persone a isolarsi e, conseguentemente, a provare solitudine.
Le due cose non sono affatto correlate.

Mostra i risultati (1456 voti)
Giugno 2022
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Apple, Google e Microsoft svelano il sistema che eliminerà le password
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 giugno


web metrics