Garanzia, chi paga le spese di smontaggio?

La Corte Europea stabilisce chi deve pagare la rimozione dei beni difettosi ancora in garanzia e l'installazione dei nuovi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-06-2011]

Garanzia spese smontaggio paga chi vende

Chi acquista un prodotto in cui scopre «difetti di conformità esistenti al momento della consegna del bene» ha diritto alla sostituzione o riparazione in garanzia.

Se su questo punto tutti sono più o meno d'accordo, pareri diversi si incontrano quando si tratta di decidere chi debba pagare le spese per la rimozione del prodotto difettoso da riparare o sostituire.

Affrontando due casi - l'uno riguardante un acquisto di piastrelle, l'altro a proposito dell'acquisto di una lavastoviglie via Internet - la Corte di Giustizia Europea ha stabilito che chi fornisce un bene difettoso ha anche l'obbligo di rimuoverlo dal luogo in cui è stato installato.

Inoltre il venditore deve anche installare il bene sostitutivo o almeno sostenere le spese necessarie.

Se però tali spese fossero oltre il valore del bene, allora si potrà stabilire un risarcimento adeguato all'entità del danno.

Tutto ciò è definito nella sentenza del 16 giugno 2011 per le cause riunite C-65/09 e C-87/09 e basata sulla direttiva del Parlamento Europeo 1999/44/CE.

In pratica, chi acquista ha sempre diritto a vedersi consegnare un prodotto in perfetto stato o una sua sostituzione, in caso di difetti, senza sborsare un ulteriore centesimo. In più, qualora la sostituzione non sia possibile - sostiene ancora la Corte - può esigere una riduzione del prezzo o la restituzione di quanto già pagato.

D'altra parte, però, chi vende non può essere obbligato a spendere cifre folli in risarcimenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Colgo l'occasione, sebbene con "leggero" ritardo, per confermare che la normativa è già stata recepita da tempo, io stesso ne ho beneficiato nel 2006: si tratta del cosidetto "Codice del Consumo" (Dlg 206 del 06/09/2005, qui un link a Wikipedia). Detto questo, non c'è più niente da recepire in quanto la sentenza fa... Leggi tutto
11-7-2011 16:34

Per chi volesse leggersi la sentenza metto qui un link alla versione in italiano SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 16 giugno 2011[/url] Si tratto della risposta ad una richiesta di interpretazione di una direttiva già esistente. Leggi tutto
28-6-2011 10:57

Giustissimo quello che scrivi! Infatti scrissi "ricevimento" e non "recepimento", nel senso goliardico che se ci capiscono qualcosa. :wink: Ciao Leggi tutto
27-6-2011 20:18

Ma in questo caso non c'è bisogno di recepimento. Non ho ancora letto la sentenza (pertanto quello che dico ora prendetelo con il beneficio d'inventario ...) La legge di recepimento serve quando una legge o direttiva europea demanda ai vari stati di emanare una legge. In questo caso si tratta invece di una sentenza in cui la corte... Leggi tutto
26-6-2011 09:15

VERO! :lol: :lol: :lol: Ciao Leggi tutto
25-6-2011 20:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Stai per entrare in un sito di home banking (ad esempio, Money Bank). Quale tra questi indirizzi Internet ti sembra sicuro?
http://MoneyBank.com
https://MoneyBank.com
https://MoneyBamk.com
https://MoneyBank.xyz.com
Non uso siti di home banking

Mostra i risultati (3266 voti)
Dicembre 2020
La storia segreta di un gioiello scientifico
Microsoft brevetta la tecnologia per eliminare le riunioni inutili
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Tutti gli Arretrati


web metrics