Monopolio Apple con il brevetto del multitouch

L'azienda brevetta tutte le forme di multitouch: i concorrenti ora rischiano di dover pagare le royalty.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-06-2011]

Apple brevetta multitouch

L'ultimo brevetto registrato da Apple negli USA sta facendo tremare i produttori di smartphone.

La sintesi ufficiale parla di «un'invenzione attuata per combinare un dispositivo multifunzione portatile con un display touchscreen, che comprende la visualizzazione di una porzione di display, dei bordi della scocca e del touchscreen stesso» ma la traduzione è molto più semplice: Apple ha brevettato il multitouch.

Infatti nella descrizione si può leggere anche: «Un gesto di traslazione a N dita viene captato sullo o vicino allo schermo touch. In risposta il contenuto della pagina è spostato per mostrare una nuova porzione del contenuto sul display. Un gesto di traslazione a N dita viene captato sullo o vicino allo schermo touch, dove M è un numero diverso da N».

Non si tratta insomma di "un'implementazione del multitouch" come quelle che l'azienda già aveva protetto ma una formulazione così vaga che in pratica le copre tutte, comprese quelle adottate dai concorrenti.

In quanto approvato, il brevetto è già valido, sebbene limitatamente agli Stati Uniti: ora le aziende che operano in America possono iniziare ad avere paura che da Cupertino partano le richieste di royalty, oppure passare al contrattacco.

L'ampiezza della formulazione è infatti un'arma a doppio taglio: da un lato potrebbe garantire a Apple la proprietà intellettuale su qualunque forma di multitouch; dall'altro rischia di invalidare il brevetto stesso in quanto troppo generico.

Tutto ciò sarà messo alla prova se e quando un tribunale verrà chiamato a giudicare o una violazione del brevetto o la sua eccessiva vaghezza, a seconda di chi inizerà il contenzioso legale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

L'effetto depressivo sull'intera economia dovuto al sistema dei brevetti è noto da tempo ... :old: Leggi tutto
4-7-2011 14:46

Questa è la dimostrazione che il sistema dei brevetti americano, così come concepito oggi, più che favorire l'innovazione la blocca o, meglio, fa si che ci siano alcuni concentratori di brevetti che deprimono in modo pressochè totale il mercato dell'innovazione. [-X Non mi esprimo sulla legge europea che non conosco a sufficienza. Leggi tutto
28-6-2011 19:03

Vero, è vergognoso, molto semplicemente dovrebbero ricondursi alla legge "europea", dove il brevetto è veramente un qualcosa di utile e non un "gioco tra grandi" Leggi tutto
28-6-2011 08:30

Dai! Dai! vadano avanti così, alla guerra dei brevetti, quando si saranno avviluppati ben bene in una rete innestricabile l'unica soluzione sarà abolire i brevetti e così la faremo finita con questo retaggio del passato. :old: Leggi tutto
26-6-2011 15:52

ehm...apple (e tutte le aziende americane) brevettano decine di cose al giorno (ogni big va dai 2000 ai 5000 brevetti l'anno) :D Perchè in America funziona così, il brevetto è una merce di scambio e una garanzia per evitare la corte. Leggi tutto
25-6-2011 23:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (350 voti)
Dicembre 2019
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Tutti gli Arretrati


web metrics