Cronache da un futuro probabile (7)

Era stata la Peste della Leggerezza a cambiare la faccia del Mondo, non le tempeste elettromagnetiche del 2012. Una sorta di pazzia che faceva immaginare di vivere un'esistenza fittizia, nella quale solo noi stessi eravamo protagonisti della storia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-09-2011]

Foto via <A HREF=http://it.fotolia.com/partner/20.

Articolo multipagina, leggi la prima parte

Arrancavo sotto il peso della pendola che portavo sulle spalle, che andava ad aggiungersi a quello degli altri oggetti; questa stramba storia era sempre più assurda. Se non fosse stato per lo sforzo che mi piegava le ginocchia e mi dava il fiatone, avrei pensato di fare parte di un gioco di ruolo demenziale. Nonostanze la fatica, il pensiero mi fece sorridere.

Io protagonista di un gioco... io... io... Io come? Non riuscivo a ricordare il mio nome. Impossibile! Cominciai a richiamare dalla mia mente più ricordi possibile; se ne ripresentarono di remotissimi, vividi e dettagliati ma il mio nome non voleva riaffiorare. Mi fermai, buttai giù i miei carichi e comincia a frugarmi in cerca della carta d'identità. Non l'avevo, eppure ricordavo benissimo di averla presa uscendo.

Mi sentii smarrito e mi girai verso verso Virgilio che mi stava fissando con calma.
"Virgilio, io chi sono?"
L'avatar mi fece una carezza su di una guancia.
"Sei uno Zio tanto carino." mi rispose con voce sospirata.
"Ma no! Intendo dire chi sono veramente!"
Mi rivolse un'aria sorpresa.
"E lo chiedi a me? Chiedilo al tuo analista. Piuttosto riprendi su le cose, abbiamo ancora strada da fare."

Ci fu ancora parecchio da camminare con i pesi addosso ma quasi non me ne accorsi, perso nei miei pensieri. Ripensavo alla Peste della Leggerezza descrittami da Alì. A sentire lui sarebbe stata quest'epidemia, silente eppure endemica ai massimi livelli, a cambiare la faccia del Mondo e non le tempeste elettromagnetiche del 2012; per la sua descrizione era una sorta di pazzia che faceva immaginare di vivere un'esistenza fittizia, nella quale solo noi stessi eravamo protagonisti della storia e chiunque altro era solo una comparsa o al limite una figura di secondo piano. Un delirio di centralità egocentrica focalizzata su noi stessi, per cui ogni avvenimento vivevamo era riproiettato in funzione di noi stessi.

"In questa sceneggiatura, niente è lasciato al caso."
La frase pronunciata più volte da Virgilio acquistava un senso in quest'ottica. Ma a questo punto lo sceneggiatore stronzo ero io stesso! E tanto stronzo da non avermi dato nemmeno un nome, oltre ad avermi sbattuto in situazioni assurde.

Uno degli atti divini alla creazione, volevano i miti giudaico-cristiani, era stato il dare un nome alle cose create e io, divinità di me stesso, non avevo saputo darmi un nome e una storia coerente e credibile da vivere. E perché nella mia storia avevo messo questi personaggi assurdi? Proiezioni dei miei desideri? Forse per Virgilio era possibile, magari ero latentemente omosessuale ma perché personaggi come Er Bestia, il fruttivendolo cinefilo, Alì e le altre figure che avevo incontrato? Memorie distorte? Pura immaginazione? Interpretazione in maniera simbolica di un qualcosa che aveva una realtà assoluta che non potevo capire direttamente? Stavo dormendo e sognando? O forse morendo e il mio cervello sempre più privo d'ossigeno mi stava dando un'ultima fantasia prima di spegnersi? Magari stavo proprio morendo per la Peste della Leggerezza.

La voce di Virgilio mi riscosse dal tetro filosofeggiare.
"Ferma, siamo arrivati."
Eravavamo davanti all'ingresso di un palazzo fatiscente. Su di una targa dalle scritte quasi cancellate, si intuiva che una volte doveva esserci stata la parola "Biblioteca".

Il bell'avatar continuò a parlare.
"Ora conoscerai il Profeta. Ti sembrerà un tipo molto strano perché lo è veramente. Quello che ha cambiato il Mondo ha cambiato anche Lui ma in modo diverso. Noi abbiamo le nostre storie mentre il Profeta non ha più storia ma è custode di tutte quelle degli altri. Persino di quelle che sono ancora da scrivere o anche solo da immaginare."

L'espressione di Virgilio aveva una solenne serietà che non gli avevo mai visto finora.
"Probabilmente troverai molte risposte, forse anche quelle che non avresti mai voluto. Avrai anche risposte per cui non hai domande. E avrai la possibilità di credere, di accettare o di rifiutare quello che preferisci."
Stese lentamente il braccio in un gesto d'invito a entrare.

Varcata la soglia mi trovai in un vasto ambiente ingombro di macerie. Dopo qualche istante comparve una freccia bianca luminescente, galleggiante nell'aria; sembrava il puntatore del mouse. Si mosse come a farsi seguire e io ne feci la mia guida in quegli ambienti. Dopo diverso girovagare entrammo in una grande sala eptagonale vuota.

Al centro della sala una stuoia su cui sedeva a gambe incrociate una figura umana. In ognuna delle pareti si intuiva un varco da cui veniva un chiarore fosforescente di diverso colore per ognuno. La somma dei colori si fondeva in un debole chiarore bianco che avvolgeva la figura.

Mi avvicinai. Aveva l'aspetto di un frate; barba bianca e avvolto in un saio che sembrava troppo grande per lui. Avvicinandomi ulteriormente, vidi che portava dei guanti dalle dita tagliate. Sembrava non essersi accorto della mia presenza e manteneva la sua posizione con immobilità assoluta.

Articolo multipagina - CONTINUA a leggere

Indice
1 - Prima parte
2 - Seconda parte
3 - Terza parte
4 - Quarta parte
5 - Quinta parte
6 - Sesta parte
7 - Settima parte
8 - Ottava parte
9 - Nona parte

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Veleno Romano

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 59)

Essenzialmente, al di lā dei piani della realtā e dell'irrealtā che si mischiano e confondono, sarebbe un manifesto del Caso, se non fosse che la data precisa del 2012 alla fine apre altri scenari e mischia le due cose. Ossia, esistono gli Dei che, come Shakespeare docet, ci fanno correre come delle mosche, solo che apparentemente non ci... Leggi tutto
17-9-2011 11:28

Molto bello. Per niente deludente. Bravo! non solo l'incertezza della veritā, ma anche la definizione dei livelli di potere che, per quanto si ritengano assoluti, sono e rimangono relativi.
17-9-2011 01:39

E siamo finalmente arrivati al 14 luglio 2012. [Fine... o meglio La Fine]
16-9-2011 23:01

vero, liberarsi di se stessi per raccontarle meglio. Leggi tutto
13-9-2011 09:09

Mi girai verso la pendola per leggere l'ora e vidi che erano scomparsi numeri e lancette: il quadrante era vuoto. Il Tempo concesso era tornato al suo flusso originario. [8/9 continua]
13-9-2011 00:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto sei dipendente dal tuo smartphone?
Non posseggo uno smart phone.
Spesso lo dimentico e quando lo porto con me a volte lo lascio o lo dimentico spento.
Lo utilizzo con una certa frequenza, ma ne potrei fare a meno.
Per lavoro č un compagno inseparabile, ma alla sera e nei week-end lo spengo volentieri.
Lo porto sempre con me: senza mi sentirei incompleto.

Mostra i risultati (4229 voti)
Agosto 2020
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Tutti gli Arretrati


web metrics