Atari minaccia gli emulatori e i siti di asteroidi

I legali dell'azienda attaccano tutte le violazioni del marchio, vere o presunte.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-09-2011]

Atari emulatori siti asteroidi Asteroids

Atari deve avere in mente qualcosa: non si giustifica, altrimenti, tutta l'attività legale cui sta dando vita negli ultimi tempi.

La società che attualmente detiene lo storico marchio (Atari Inc, una controllata di Infogrames) pare infatti impegnatissima a inviare diffide - le famigerate cease and desist letters - a chiunque abbia realizzato un sito o un software che in qualche modo richiama i famosi videogiochi.

I primi bersagli, va da sé, sono gli autori degli emulatori: sono quei programmi che permettono di riprodurre via software hardware vetusto ma glorioso come l'Atari 2600 sui moderni computer o console (come si evince da una discussione su un forum di software homebrew per Dreamcast).

Non si capisce però perché Atari se la prenda tanto, dato che detti emulatori sono perfettamente legali: a patto che non contengano materiale coperto da copyright (per esempio non devono essere distribuiti insieme alle ROM dei giochi, che appartengono legalmente ad Atari) possono tranquillamente circolare.

La fantasia degli avvocati, però, non si ferma qui: è stato raggiunto da una minacciosa lettera anche il sito Near Earth Asteroids, raggiungibile all'indirizzo asteroids.co.uk, il che costituirebbe un richiamo troppo sfacciato al popolare gioco del 1979 di cui, a dire la verità, fino a non molto tempo fa il sito ospitava un clone.

Tuttavia non era la presenza del gioco a disturbare Atari, quanto il dominio stesso: come si può vedere dalla lettera, pubblicata sul sito, il problema è che la parola Asteroids apparterrebbe ad Atari e nessun altro può dunque usarla, almeno non come nome a dominio per un sito, anche se tratta di asteroidi veri e non vettoriali.

Tutto ciò può avere una sola spiegazione: Atari ha in mente qualcosa, forse una mossa per lanciare il proprio nome - che comunque identifica uno dei maggiori editori di videogiochi nell'America del nord - nel mercato mobile.

Comportandosi in questo modo, però, rischia soltanto di inimicarsi i fan rimasti affezionati alle glorie del passato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft e le cartucce Atari 2600 sepolte nel deserto
Il cimitero degli Atari

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Non sono illegali per forza. Appunto quelli che non dispongono di copie non autorizzate dell'hardware originale non sono illegali. Vedi no$GBA e DeSmuME ad esempio (emulatori di Nintendo DS per PC), e vedi DSx86 (emulatore di PC per Nintendo DS) :ciao: Leggi tutto
9-9-2011 11:11

Per fare quei giochini? Allora non ti ricordi o non sai come sono! :shock: Poi di adattatori che ti permettono persino di vederlo in TV o su monitor e "tastiere" e simili (compreso joystick) esistono di migliaia di tipi. :twisted: Ciao Leggi tutto
9-9-2011 02:05

{Vecchio atarista degli }
Se è per questo anche il nome commerciale Atari è un termine che hanno 'rubato' all'antico gioco del Go (dire 'atari' è come dire 'scacco') quindi volendo si può usarlo a volontà e aprire quanti siti uno vuole con quella parola e si possono attaccare al tramway di San Francisco.
8-9-2011 22:54

Certo che è illegale, i BIOS sono hardware protetto da copyright, poco importa se li cloni via SW: il codice macchina resta quello. Cmq un joystick attaccato a un ipad è sicuramente più comodo e divertente che giocare sullo schermino di un cellulare con tastini piccini piccini, no? (stando a casa, ovviamente, senno' ti internano...) Leggi tutto
8-9-2011 21:52

Quoto in toto! Ciao Leggi tutto
8-9-2011 21:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1301 voti)
Gennaio 2020
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Tutti gli Arretrati


web metrics