Mozilla, entrate in aumento e qualche preoccupazione

La Fondazione è preoccupata per l'avanzata del mercato mobile, dove Firefox è in posizione di debolezza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-10-2011]

Mozilla 2010 aumentano entrate Firefox Google

Un anno positivo, anche se punteggiato da diverse preoccupazioni: è questa la sintesi del rendiconto annuale di Mozilla riferito al 2010.

I lati positivi riguardano innanzitutto il fronte dell'entrate, passate dai 104,3 milioni di dollari del 2009 ai 123,2 milioni di dollari del 2010; similmente sono però aumentate anche le spese, apssate da 61 a 87 milioni di dollari.

I soldi che Mozilla incassa provengono dalle donazioni e, soprattutto, dagli accordi con i motori di ricerca: la presenza nella casellina posta in alto a destra permette di monetizzare ogni ricerca effettuata dagli utenti.

Il primo dei finanziatori è risultato essere Google, il quale è anche la causa della prima preoccupazione: l'accordo che lega Mozilla e Google è infatti prossimo alla scadenza e, come già due anni fa, il rinnovo non è né automatico né scontato.

Se nel 2009 la presenza di Chrome era una minaccia per Firefox, oggi i pericoli sono soltanto aumentati: non è un caso, dopotutto, se i tempi di rilascio delle nuove versioni sono stati drasticamente accelerati a imitazione di quelli adottati da Google.

Un'altra fonte di preoccupazioni è l'espansione del mercato mobile, dove Firefox non ha una presenza così massiccia quanto quella sui PC: la diffusione di smartphone i cui sistemi operativi hanno un browser integrato rischia di compromettere non solo la salute del browser di Mozilla ma - a detta della Fondazione - anche la libertà di scelta degli utenti.

Gary Kovacs, da un anno CEO di Mozilla, ha personalmente sottolineato questa situazione che ricorda le polemiche sorte circa l'integrazione di Internet Explorer in Windows: in quest'ultimo caso, però, si erano mosse anche le autorità politiche (generando in Europa il ballot screen) ma per quanto riguarda il settore mobile non sembra esserci un'analoga preoccupazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Tutti ex-Netscape pių i nuovi = dunque "una cifra" di personale! Comunque non vive di sole donazioni (vende tecnologia) e Google non č l'unica benefattrice! Che poi Chrome di Google usa tecnologia Firefox anche se adotta librerie diverse e grafica diversa. Chissā perchč risulta difficile credere che l'open sposti quelle... Leggi tutto
12-10-2011 22:01

Certo.. un po' tutti hanno ragione.. E'certo pesantuccio.. Non parliamo per gli smartphone android dove li č dvvero troppo bisonte ed inusabile.. Opera purtroppo va decisamente molto meglio (anche di quello di sistema). Su desktop, anche se negli ultimi tempi ha subėto ganci al codice e dritti e rovesci da pesantezza e ram stordita da... Leggi tutto
12-10-2011 20:05

la leggerezza? what? firefox č un bisonte! :) Leggi tutto
12-10-2011 17:02

Perdindirindina! 123 milioni di dollari di entrate e 87 milioni di dollari in uscita!!! Tutto questo per tenere in piedi un (ottimo) browser. Confesso che non avrei mai ipotizzato un movimento economico cosė ampio al riguardo di un software free. Ma quanti MILA dipendenti hanno?
12-10-2011 14:03

{ice}
@ 1il vanaio fi FF sul desktop è che è installabile anche su pc vetusti con w2ke che ha un ottimo supporto dagli sviluppatori di siti e soluzioni intranet via browser, nonchè interfacce di gestione di applianceinoltre ha un enorme parco di estensioni.Ma è un vantaggio che sta perdendoAimè portare avanti lo... Leggi tutto
12-10-2011 11:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il numero di multe per l'utilizzo di smartphone alla guida č aumentato del 18% nel primo semestre 2017. Il direttore del servizio di Polizia Stradale propone il ritiro della patente fin dalla prima infrazione, con una sospensione di un minimo di 15 giorni. Sei d'accordo?
No

Mostra i risultati (2164 voti)
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Tutti gli Arretrati


web metrics