Studio ''definitivo'': i cellulari non causano tumori

Un campione vastissimo e anni di indagine sembrano confermare l'innocenza dei telefonini per quanto riguarda i tumori al cervello.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-10-2011]

Cellulari tumore studio danese

Fa male, non fa male, fa male solo un po': periodicamente un nuovo studio sulla pericolosità dei cellulari smentisce il precedente e riapre il dibattito.

Questa volta, però, pare che l'Istituto di Epidemiologia Oncologica di Copenhagen abbia realizzato "lo studio definitivo", basato sui dati raccolti prendendo in considerazione quasi 360.000 persone su un periodo di 18 anni.

La ricerca, pubblicata sul British Medical Journal, è stata realizzata valutando l'incidenza dei tumori tra i quasi 360.000 possessori di telefonini considerati e nella popolazione in generale.

I controlli, effettuati nel 1996, nel 2002 e nel 2007 non hanno mostrato una maggiore frequenza di tumori tra chi usa un cellulare rispetto a chi non ne fa uso.

Patrizia Frei, dell'Istituto di Epidemiologia Oncologica, spiega i vantaggi dell'approccio seguito: «noi non ci siamo basati su informazioni soggettive (e quindi potenzialmente inattendibili) da parte dei partecipanti. Noi abbiamo usato dati sugli abbonamenti a gestori di telefonia mobile (quindi non c'è stato bisogno di porre domande ai singoli partecipanti) anche se ciò da una parte è stato un limite perché non ci ha permesso di sapere quanto assiduamente ciascuno usava il cellulare e quindi valutare i casi di persone che ne fanno un forte uso».

Restano tuttavia alcune domande aperte, per esempio quelle sui rischi che potrebbero correre coloro che usano moltissimo il telefonino e coloro che lo usano da più di 15 anni (l'uso medio da parte dei soggetti considerati è di 13 anni), e poi «i dati sui bambini restano limitatissimi» conclude la dottoressa Frei.

Le notizie, in ogni caso, sembrano proprio positive: «Non abbiamo trovato un aumento di rischio tumore per persone che usano il cellulare da oltre 10 anni, nemmeno un rischio aumentato di glioma temporale, che è il tumore per il quale, proprio per la sua localizzazione nel cervello, sarebbe più plausibile aspettarsi un collegamento con l'uso dei cellulari».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Le calamite che cancellano il disco rigido: bufala

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

{Angelo Urbani}
domenica 27 novembre 2011 Report-Rai Tre, Milena Gabanelli riporta uno studio OMS del 30 maggio scorso che dice invece che i cellulari fanno male alla salute e possono provocare alcuni tipi di tumore. Giustamente Report ha accusato la stampa e i mass media di non aver diffuso la notizia.
30-11-2011 10:12

Questo professore (che rispetto come tutti gli altri frequentatori del forum) dovrebbe comunque presentarsi in maniera più ortodossa come richiede la prassi scientifica, perché francamente dire "gli altri sbagliano perché lo diciamo noi" e non portare prove e numeri altrettanto validi equivale a porsi ai livelli di questo... Leggi tutto
24-10-2011 12:56

Assolutamente d'accordo, anche questo studio non dimostra nulla se non quello che vuole dimostrare... :? Leggi tutto
23-10-2011 10:32

Domanda ancora apertissima altro che chiusa :D
22-10-2011 15:53

ma non possono chiedere più fondi e fare domande dirette a queste 360k persone? mo che ci sono, che facciano le cose per bene...
22-10-2011 11:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te come stanno cambiando gli attacchi informatici?
Ci sono sempre più attacchi automatizzati verso i server anziché verso gli individui.
Gli attacchi sono più globali, dall'Europa all'America all'Asia all'Australia.
L'impatto maggiore è sui conti aziendali e sui patrimoni medio alti.
Gli attacchi colpiscono istituzioni finanziarie di tutte le dimensioni.
Gli hacker sono sempre più veloci.
I tentativi di transazioni sono più estesi e più elevati.
Gli attacchi sono più difficili da rilevare.
E' aumentata la sopravvivenza dei server.

Mostra i risultati (1504 voti)
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics