Pagamenti in mobilità, intesa tra Vodafone, Intel e Visa

Le piattaforme mPayment e payWave permetteranno di fare acquisti usando il tablet o lo smartphone per il pagamento.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-02-2012]

vodafone visa intel pagamenti mobile

Pare proprio che i protagonisti del Mobile World Congress 2012, in corso in questi giorni a Barcellona, abbiano deciso che i tempi sono maturi per lanciare su vasta scala l'era dei pagamenti via cellulare.

Ad aprire le danze sono state Visa e Intel, che hanno annunciato la firma di un accordo per effettuare pagamenti tramite i dispositivi mobili basati su hardware Intel.

In particolare, Visa ha già certificato per l'uso con payWave lo smartphone di Intel basato sul processore Atom Z2460 e dotato di tecnologia NFC.

A Barcellona è stato però annunciata anche la conclusione di un altro accordo sempre da parte di Visa, questa volta però con Vodafone, e sempre per quanto riguarda i pagamenti tramite dispositivi mobili.

A partire dall'anno prossimo in 30 nazioni (per un totale di circa 400 milioni di utenti) sarà disponibile la piattaforma mPayment, basata su una carta prepagata Visa abbinata al numero telefonico e una applicazione.

Sondaggio
Qual è tra questi l'evento che attendi di più?
CES, gennaio, Las Vegas
Mobile World, febbraio, Barcellona
CeBIT, marzo, Hannover
E3, giugno, Los Angeles
Computex, giugno, Taipei
IFA, settembre, Berlino
Smau, ottobre, Milano

Mostra i risultati (993 voti)
Leggi i commenti (2)

Le prime nazioni coinvolte nell'avvio del programma saranno Germania, Olanda, Turchia e Gran Bretagna, ma nei 30 Paesi in cui effettuare il lancio nel 2013 è presente anche l'Italia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1911 voti)
Agosto 2020
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics