Facebook, calano i guadagni

Gli utenti continuano a crescere, ma le prestazioni finanziarie sono sottotono.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-04-2012]

facebook calano guadagni

Sul tavolo di Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, sono da poco arrivate due notizie: una buona e una, se non cattiva, almeno non troppo buona.

La prima, quella buona, è il continuo aumento degli utenti: dagli 845 milioni di dicembre 2011 si è passati agli attuali 901 milioni; di questi, 500 milioni sono classificati come "utenti attivi", ossia quelli che giornalmente interagiscono sul social network.

La notizia meno buona è relativa agli incassi di Facebook, di cui ormai si può sapere tutto perché la documentazione relativa - e continuamente aggiornate - è nelle mani della Securities and Exchange Commission in vista dell'imminente quotazione in Borsa.

I ricavi del primo trimestre del 2012 hanno visto una crescita del 45% (arrivando a 1,06 miliardi di dollari) rispetto a un anno fa; tuttavia, se si confrontano questi numeri con quelli dell'ultimo trimestre del 2011, si registra un calo del 6%.

Anche i guadagni netti non brillano come una volta: il primo trimestre ha fatto registrare un calo del 12% rispetto a un anno fa (dai 233 milioni del primo trimestre 2011 agli attuali 205 milioni).

Facebook attribuisce questo fenomeno a «variazioni stagionali» che si sono già verificate in passato; d'altra parte, nel conteggiare i guadagni bisogna tenere presente che il social network sta spendendo su vari fronti, e parecchio.

Sondaggio
Quale di questi grandi trend dominerà maggiormente il mercato dell'Information & Communication Technology nei prossimi due anni?
Cloud Computing
Mobility
Virtualizzazione
Sicurezza e Risk Management
Energy Efficiency
Business Intelligence
Big Data

Mostra i risultati (1473 voti)
Leggi i commenti (4)

L'ultimo grande acquisto risale a pochi giorni fa: con un miliardo di dollari (in denaro e azioni) Facebook si è assicurata la proprietà di Instagram; ora si apprende che la quota in denaro è pari a 300 milioni.

C'è infine, un problema che ancora non ha trovato soluzione: sono in aumento continuo gli utenti che accedono a Facebook da una piattaforma mobile, dunque non tramite un browser web ma dall'apposita app.

Il problema sta nel fatto che Facebook non ha idea di come monetizzare questi contatti: non a caso, questo è uno dei punti deboli che il social network stesso ha indicato alla SEC quale rischio concreto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

{loredelborgallo}
Proprio in Autunno ho acquistato dello spazio pubblicitario su FaceBook. I risultati non li cito, però vi assicuro che mi hanno fatto spendere più di quanto volessi. Il sistema pretende la carta di credito per avviare il servizio, poi si prende i soldi. Capirete che in questo modo un cliente si sente preso per il collo.
27-4-2012 00:16

bhè....il trimestre scorso c'era natale di mezzo, conterà pur qualcosa :D. Comunque è ridicolo che Facebook abbia acquistato Instagram per 1 milione di euro.
26-4-2012 10:34

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali di questi dati ti spiacerebbe perdere di più?
Dati finanziari e di pagamento
Documenti relativi al lavoro
Email personali
Email di lavoro
Messaggi personali (SMS, Whatsapp ecc.)
Foto dei miei bambini
Foto dei viaggi
Foto private o particolari o sensibili di me stesso
Foto private o particolari o sensibili del mio partner
Altre foto (non sensibili)
Note e documenti personali
Password
Rubrica degli indirizzi o dei contatti telefonici
Scansioni di passaporti, patenti, assicurazioni e altri documenti personali

Mostra i risultati (1659 voti)
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Windows 11, inizia la seconda fase degli update
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 novembre


web metrics