Steve Jobs in uno spot del 1984

Il fondatore di Apple nelle vesti del presidente degli USA Roosvelt ordina l'attacco contro i grigi PC di IBM.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-05-2012]

steve jobs 1984 1944

Tutti conoscono il famoso spot pubblicitario di Apple ispirato a 1984, con il quale l'azienda di Cupertino lanciò il primo Macintosh.

Pochissimi, finora, avevano però avuto la possibilità di vedere per intero 1944, un video realizzato unicamente per essere visto internamente a Apple proprio nel 1984, poco dopo il lancio del Macintosh.

Il video, girato con qualità professionale (pare che sia costato 50.000 dollari) dura circa 9 minuti: racconta, in uno scenario da Seconda Guerra Mondiale, della guerra di Apple contro IBM per liberare gli impiegati schiavi del PC.

Nel filmato appaiono alcuni dirigenti di Apple, tra cui Steve Jobs in persona nelle vesti del presidente americano Franklin Delano Roosvelt, con tanto di sigaretta e papillon.

Se oggi quell'antico spot interno è tornato in circolazione i ringraziamenti vanno a Craig Elliot, un ex dipendente di Apple.

Sondaggio
Se ti fosse data l'occasione di andare a cena con uno di questi personaggi, chi sceglieresti?
Steve Jobs, fondatore di Apple
Bill Gates, fondatore di Microsoft
Richard Stallman, fondatore della Free Software Foundation e del movimento del software libero
Sergey Brin o Larry Page, fondatori di Google
Tim Berners Lee, ideatore del world wide web
Vorrei suggerire un altro nome (nei commenti qui sotto)

Mostra i risultati (3562 voti)
Leggi i commenti (30)

Uno spezzone del filmato era già stato reso noto diverso tempo fa, quale parte di un videotributo a Steve Jobs in occasione del trentesimo compleanno di questi e che è stato diffuso nuovamente l'anno scorso in occasione della morte del fondatore di Apple.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Patto segreto tra Google e l'Apple di Steve Jobs
Il ritratto di Steve Jobs fatto con 6.000 tasti di computer
La casa di Steve Jobs diventerà un sito storico
Steve Jobs: il mondo mi dimenticherà presto

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

:shock:
6-5-2012 18:10

Assolutamente il peggio che si possa avere adesso e allora non è che erano migliori, in fin dei conti: volevano solo tirare acqua al loro mulino
6-5-2012 15:44

Sono d'accordo. Oggi, francamente, questo filmato a me sembra anche piuttosto trash... Leggi tutto
5-5-2012 14:47

{Andrea}
Non so che aria tirasse alla Apple a quei tempi (anche se, guardando "I pirati della Silicon Valley", uno se ne può fare un'idea)... ma, se questo clip doveva servire a motivare il personale, mi viene fantozzianamente da dire:
4-5-2012 23:17

Ci vuole veramente coraggio a definire la divisione apple portatore di libertà: Apple che produce i sistemi più "chiusi" della stodia dell'informatica. :-(
4-5-2012 18:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1742 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics