L'Independence Day dei pirati

Sei anni fa la polizia sequestrava i server di The Pirate Bay: fu l'inizio del successo che dura ancora oggi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-06-2012]

The Pirate Bay Independence Day

«Buon giorno dell'indipendenza!»: non è il festeggiamento di qualche americano in anticipo sul calendario, ma l'accoglienza che il blog di The Pirate Bay riservava a tutti lo scorso 31 maggio.

Che cosa c'è da festeggiare è subito evidente: il 31 maggio 2006 la polizia svedese compì un raid sequestrando tutto il materiale informatico usato dai Pirati e arrestando Peter Sunde, Gottfrid Svartholm e Fredrik Neij, al tempo amministratori del sito.

Sembrerebbe un avvenimento da dimenticare, e invece fu l'inizio del successo di quello che ancora oggi si definisce «il sito di torrent più resistente di Internet».

The Pirate Bay era stato fondato soltanto tre anni prima ed era già diventato una spina nel fianco delle major, ma non aveva ancora la popolarità che acquisì in seguito al raid: se allora i peer erano 2,5 milioni, in seguito sono cresciuti sino a 40 milioni; se gli utenti registrati erano 1 milione, poi sono arrivati a 5,7 milioni.

Ma soprattutto, la Baia dei Pirati è tuttora online: prima che la polizia sequestrasse i server, infatti, gli admin sono riusciti a fare un backup completo del sito, operazione che ha permesso loro di tornare online in soli tre giorni. L'articolo continua dopo il video.


Il raid della polizia ripreso dalle telecamere di sicurezza (almeno finché non vengono coperte)

In seguito, poi, sono aumentate le misure di sicurezza per prevenire il ripetersi di eventi del genere, e i numerosi modi (tra cui le centinaia di indirizzi IP pronti all'uso) in cui è possibile accedere a The Pirate Bay nonostante i vari blocchi sono una testimonianza di questo lavoro.

Ecco perché The Pirate Bay ha deciso di ribattezzare il 31 maggio Pirates Independence Day e di festeggiarlo: fu davvero il momento in cui le cose iniziarono a farsi serie.

Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3469 voti)
Leggi i commenti (8)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai un'idea nel cassetto e ti piacerebbe aprire una startup per realizzarla. Che cosa ti frena?
Non ho i soldi per farla partire
Il momento economico non è favorevole
Non ho ancora trovato le persone giuste con cui farlo
E' troppo rischioso per me
Non sono sicuro di riuscire a portarlo a termine
Sarebbe troppo complicato, indipendentemente dai soldi
Non mi sento portato a fare l'imprenditore
E' solo un sogno e in realtà non credo che lo farei
Per un altro motivo e cioè...

Mostra i risultati (1280 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics