Internet Explorer 10, maggiore privacy per default

La tecnologia Do Not Track sarà attiva di default. Le perplessità di Mozilla.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-06-2012]

internet explorer 10 do not track

Microsoft ha annunciato che nella prossima versione di Internet Explorer - la decima - la tecnologia Do Not Track sarà attiva per default.

Si tratta di un sistema, ideato da Mozilla, che se attivato invia un header particolare: i siti web che supportano questa tecnologia, infatti, accettano di non raccogliere informazioni sull'utente che sta visitando la pagina.

Microsoft tiene a far sapere che la mossa è stata decisa per tutelare al massimo la privacy degli utenti, e nell'intento di far adottare Do Not Track dal maggior numero di siti possibile.

Ci si aspetterebbe che Mozilla, la quale da tempo supporta questa soluzione, sia al settimo cielo; in realtà, in un commento ufficiale a firma di Alex Fowler la mamma di Firefox si spinge un po' più in là.

Pur accogliendo con gioia la decisione presa da Microsoft di appoggiare Do Not Track, Mozilla pare temere che l'azienda di Redmond non abbia capito lo spirito con cui questo sistema è stato sviluppato.

Sondaggio
Qual è il tuo browser preferito?
Internet Explorer
Firefox
Chrome
Safari
Opera
Un altro

Mostra i risultati (12047 voti)
Leggi i commenti (37)

L'idea alla base era infatti concedere agli utenti la possibilità di decidere in prima persona circa l'utilizzo dei propri dati da parte dei siti web, non avere un ulteriore switch per proteggere di default gli utenti da sé stessi.

In effetti Firefox, come comportamento predefinito, invia un segnale in base al quale dice che l'utente non ha ancora scelto alcunché; Internet Explorer invece, da ora in poi, dirà che l'utente ha scelto di non venire tracciato. Ma in realtà l'utente non ha scelto nulla: è stata Microsoft a farlo per lui.

«DNT permette alla persona che sta seduta dietro la tastiera di avere una conversazione con il sito che vuole visitare. Se DNT è attiva di default, non è una conversazione. Perché DNT funzioni è necessario che rappresenti la voce dell'utente» scrive Fowler.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft tenta di riabilitare Internet Explorer

Commenti all'articolo (3)

Considerando l'utilizzatore tipico di IE è meglio che da default sia attiva, se no sarebbe come se non ci fosse. Inoltre potrebbe spingere all'adozione da parte dei siti del DNT.. Quindi a differenza dei commentatori sopra di me sono favorevole :P
4-6-2012 12:15

Tipica mossa alla M$ direi... [-X
3-6-2012 17:27

concordo, è un no-sense :D
3-6-2012 00:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2648 voti)
Maggio 2021
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Bye bye, Emotet
Bambini e smartphone, 1.500 euro di multa ai genitori che non li sorvegliano
Aprile 2021
Office manda in pensione Calibri: quale nuovo font preferite?
Windows 10, arriva l'Eco Mode per far tornare scattante il Pc
Microsoft pronta a lanciare Cloud PC, il desktop in streaming
Aggiornamento Windows 10, problemi di tutti i tipi
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 maggio


web metrics