Woz difende Megaupload

Il fondatore di Apple si schiera con Kim Dotcom e invita le major a farsi da parte.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-06-2012]

kim dotcom steve wozniak ira rothken

Qualche giorno fa, Kim Dotcom ha pubblicato una fotografia che lo ritrae insieme al suo avvocato Ira Rothken ma, soprattutto, insieme a Steve Wozniak, fondatore di Apple.

La cosa ha comprensibilmente destato un po' di scalpore, ma a dissipare ogni dubbio ha pensato Wozniak in persona, affermando in maniera chiara da che parte stia in un'intervista via email con CNet.

«Quando qualcuno commette un crimine attraverso la posta, non si chiude l'ufficio postale» ha scritto The Woz.

«Quando i governi sognano di accusare di attività criminali il classico informatico che sta semplicemente gestendo un servizio di condivisione di file, o lo accusano di frode postale perché ha detto di aver rimosso i file quando ha soltanto rimosso i link, ciò prova quando sia debole il tentativo di estradizione. L'accusa sta cercando un appiglio. Peccato per il governo degli USA che Dotcom viva in Nuova Zelanda, dove si rispettano maggiormente i diritti umani».

Per Steve Wozniak, Kim Dotcom ha fatto tutto il possibile per mantenere nella legalità Megaupload, cancellando i link a materiale illegale quando richiesto: non è colpa sua se poi gli utenti hanno continuato a utilizzare il servizio per condividere materiale protetto.

Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3461 voti)
Leggi i commenti (8)

«Sono perplesso e mi chiedo perché mai gli studios stiano perseguendo chi ha fatto più di quanto si possa immaginare per rimuovere i link che essi stessi volevano che fossero rimossi» prosegue Wozniak, il quale non discute la necessità di difendere il copyright, ma crede che il vero obiettivo delle major sia fermare il cambio di paradigma che sta avvenendo e le sta lasciando indietro.

«Violare il copyright è sbagliato, così come lo è guidare oltre il limite di velocità. Ma non lasciamo che tutto ciò fermi il progresso dell'era digitale. Ricordo che Apple è stata la prima a trovare trovare un buon compromesso tramite iTunes. Grazie al cielo non è stato bloccato sul nascere».

Secondo Wozniak, ciò che l'industria dell'intrattenimento deve fare è in realtà molto semplice: «Quando non puoi fermare qualcosa che avanza come un rullo compressore, lévati dalla strada».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Come funziona MEGA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la cifra complessiva che spendi ogni mese per il tuo smartphone? Comprende tutto: telefonate, piano dati, Sms, rata telefono e via dicendo.
Sotto i 10 euro
Tra i 10 e i 20 euro
Tra i 20 e i 30 euro
Tra i 30 e i 50 euro
Tra i 50 e i 100 euro
Oltre i 100 euro
Non ne ho idea

Mostra i risultati (5106 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics