La dichiarazione della libertà di Internet

Espressione, accesso, apertura, innovazione e privacy: cinque principi che dovrebbero guidare ogni decisione sul web.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-07-2012]

declaration of internet freedom

«Crediamo che un'Internet libera e aperta possa portare a un mondo migliore»: comincia così il preambolo alla Declaration of Internet Freedom, la Dichiarazione della Libertà di Internet.

Già firmata da individui e organizzazioni (dalla Electronic Frontier Foundation a Free Press, da Mozilla a Reporters Without Borders), ma pronta a essere sottoscritta da chiunque ne sostenga gli ideali, è una dichiarazione di intenti contro i ripetuti tentativi che da più parti emergono di bloccare la libertà di espressione in Rete, ma non solo.

I principi base sono infatti cinque: espressione, accesso, apertura, innovazione e privacy.

Coloro che li sostengono sono quanti si sono impegnati a combattere proposte di legge nefaste come l'americana SOPA, e ciò che li spinge è la preoccupazione che altri tentativi di censura sorgano nel prossimo futuro.

Così hanno deciso di far debuttare pubblicamente una dichiarazione che sia semplice e chiara, e stabilisca come «Internet è nostra: appartiene al pubblico, e agli individui», non a qualche azienda o governo. L'intento, ora, è di ottenere in risposta le opinioni di quanti usano la Rete quotidianamente.

Sondaggio
In Germania e in altre nazioni europee il Partito Pirata guadagna consensi, mentre in Italia resta al palo ma spopolano Beppe Grillo e il suo Movimento Cinque Stelle. Sono due movimenti antagonisti e incompatibili?
Sì. In Italia il PP non sfonderà perché i suoi votanti sono già attratti dal M5S. - 52.4%
No. Presto vedremo crescere anche il PP, che meglio può rappresentare gli interessi degli internauti. - 31.4%
Non saprei. - 16.2%
  Voti totali: 1626
 
Leggi i commenti (11)

Per ampliare la partecipazione, sono state aperte diverse iniziative tramite le quali discutere circa la Dichiarazione, come il subreddit relativo su Reddit, cosicché i frequentatori di Internet possano far sentire la propria voce a quanti vogliono dettare legge sulla Rete, in particolar modo al Congresso degli Stati Uniti.

«La Dichiarazione è semplice» scrive la EFF. «Offre cinque principi base che dovrebbero guidare ogni politica su Internet. Crediamo che valga la pena combattere per questi principi».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Chiara, concisa, essenziale ma anche efficace ed esaustiva. Una Dichiarazione Universale in piena regola. Ovviamente l'ho sottoscritta anch'io.
6-7-2012 09:29

L'ho sottoscritta. :wink:
5-7-2012 19:54

Sottoscrivo in pieno!
5-7-2012 19:30

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1256 voti)
Ottobre 2020
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Tutti gli Arretrati


web metrics