File sharing, legale se per uso personale

Il Procuratore Generale del Portogallo rispedisce al mittente le denunce avanzate dall'equivalente portoghese della SIAE.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-10-2012]

acapor boxes

L'anno scorso, la portoghese ACAPOR - associazione che potremmo paragonare alla nostra SIAE - aveva portato davanti all'ufficio del Procuratore Generale del Portogallo, come segno di protesta, diversi scatoloni pieni di fogli, sui quali erano riportati circa 2.000 indirizzi IP.

Tali indirizzi, secondo l'ACAPOR, facevano capo ad altrettanti pirati, colpevoli di scaricare e diffondere via Internet materiale coperto da copyright.

«Faremo tutto ciò che potremo per attirare l'attenzione del governo sulla situazione molto seria in cui si trova l'industria dell'intrattenimento» aveva commentato l'associazione, spiegando che «2.000 denunce dovrebbermo essere abbastanza per mettere in difficoltà il sistema giudiziario».

Evidentemente, l'ACAPOR non si aspettava quanto poi è successo. Il Dipartimento di Indagini e Azioni Penali ha vagliato tutto il materiale e, ora, ha reso note le proprie decisioni, che si possono sintetizzare nella decisione di non procedere.

«Dal punto di vista legale,» - ha spiegato il procuratore - «pur considerando che gli utenti sono sia dei downloader che degli uploader, crediamo che la loro condotta sia legale, anche se si considera che gli utenti continuano a condividere i file una volta che il download è terminato».

Sondaggio
Che cosa scarichi più spesso da Internet?
Musica / video musicali
Programmi Tv (telefilm ecc.)
Film
Podcast
Software
Ebook

Mostra i risultati (2180 voti)
Leggi i commenti (11)

Secondo il procuratore la condivisione, se personale e non a fine di lucro, allora è in regola con la legge. Il diritto all'educazione, alla cultura e alla libertà di espressione non deve essere ristretto a causa del copyright, se avviene con finalità non commerciali.

C'è di più: gli indirizzi IP portati dall'ACAPOR sarebbero in ogni caso inutilizzabili per un'azione penale, dato che un indirizzo non identifica automaticamente una persona.

Il titolare dell'abbonamento che fa capo a un determinato indirizzo, infatti, «non è necessariamente l'utente che lo sta usando nel momento in cui avviene l'infrazione, o l'utente che rende disponibile l'opera coperta dal diritto d'autore, ma è soltanto l'individuo che ha un servizio registrato a proprio nome, indipendentemente dal fatto che questa persona lo stia usando oppure no».

Tutto ciò è chiaramente risultato indigesto ai dirigenti dell'ACAPOR, che hanno accusato il procuratore di aver soltanto scelto di percorrere la via più semplice, così da non dover dar seguito a 2.000 azioni legali.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Niente Siae per i giovani musicisti
Sedicenne scarica MP3, il padre (giudice) la prende a cinghiate

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Anch'io quoto Zorro, ho sempre pensato che il nocciolo della questione sia quello che viene ribadito nel suo post e in quello di Roberto1960.
3-10-2012 18:35

Quoto Zorro.
3-10-2012 14:58

Quoto! Credo che questo sia il nodo del grandissimo casino che oggi c'è nel mondo intero su questo problema e che ci vorrà moltissimo tempo per arrivare ad una legislazione equilibrata, certa, non ambigua, perchè le parti interessate sono molte, ci sono grandi differenze di posizione e gli interessi in gioco sono alti, sia quelli... Leggi tutto
3-10-2012 10:35

Vero! E se finalmente seppellissimo la parola copyright, diritto-di-copia, che ormai puzza di cadavere, e iniziassimo a parlare di congrua remunerazione dell'opera, come si fa per tutti i lavori del mondo? Leggi tutto
3-10-2012 03:11

L'altra faccia della medaglia però è la tutela degli autori. Perché se le piena diffusione di un'opera d'ingegno dovesse significare che un autore non riesce a trarne alcuna remunerazione, anche questo sarebbe un danno alla cultura, in generale. Il problema è che il copyright attuale non serve, in maniera evidentissima, a remunerare... Leggi tutto
3-10-2012 00:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra questi tablet ti sembra la migliore alternativa all'iPad mini di Apple?
Google Nexus 7, con schermo da 7 pollici, Android 4.3 e prezzo a partire da 229 euro.
Amazon Kindle Fire HD, con schermo da 7 pollici, FireOS 3.0 e prezzo a partire da 139 euro.
Amazon Kindle Fire HDX, con schermo da 7 pollici, FireOS 3.0 e prezzo a partire da 229 euro.
LG GPad 8.3, con schermo da 8,3 pollici, Android 4.4 e prezzo a partire da 249 euro.
Dell Venue 8 Pro, con schermo da 8 pollici, Windows 8.1 e prezzo a partire da 289 euro.
HP Slate 7 HD, con schermo da 7 pollici, Android 4.2 e prezzo a partire da 199 euro.
Un altro

Mostra i risultati (618 voti)
Novembre 2020
Flash muore ma i giochini sopravviveranno nell'Internet Archive
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
Tutti gli Arretrati


web metrics