UE, dopo il brevetto sui broccoli arriva quello sui peperoni

L'Ufficio Brevetti Europeo continua a concedere brevetti sui semi, mettendo in pericolo la concorrenza e la libertà di scelta dei consumatori.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-06-2013]

peperoni

Un paio d'anni fa l'Ufficio Brevetti Europeo (EPO) - che di per sé non ha alcun legame con l'Unione Europea - concesse all'azienda britannica Plant Biosciences un brevetto che copriva la produzione di broccoli con una presenza di sostanze anticancerogene più alta del normale.

A ciò si opposero altre aziende sostenendo che, poiché il brevetto copriva il metodo di riproduzione tradizionale delle piante e ciò è esplicitamente vietato dalla normativa alla base dell'EPO, bisognava rifiutare la richiesta.

L'Ufficio Brevetti decise invece di attuare una mossa più strana: concesse il brevetto, ma non alla parte relativa al sistema di riproduzione delle piante di broccoli, ossia il cuore della richiesta.

Il caso si concluse quindi con l'EPO stesso che dichiarò: «Stando così le cose, soltanto le piante di broccoli restano protette». In pratica, era stato concesso il brevetto su una pianta.

La vicenda era a quel punto diventata così surreale che il Parlamento Europeo e quello tedesco avevano chiesto ufficialmente all'EPO di non concedere più brevetti che coprissero la verdura.

Sondaggio
Come credi che sarà la vita per la maggior parte della gente nel 2100?
Un idillio ipertech.
Grossomodo come adesso, con qualche giocattolo in più e/o in meno.
Roba da candelabri, biciclette e abaco.
Terribile, da gente allo sbando, senza più civiltà.
Non ci sarà più. Ormai saremo estinti, o sull'orlo dell'estinzione.

Mostra i risultati (3413 voti)
Leggi i commenti (26)

Oggi, due anni più tardi, l'Ufficio Brevetti Europeo c'è ricascato.

Ha infatti concesso il brevetto EP2140023, che riguarda una varietà di peperoni che dovrebbe essere resistente agli insetti.

Il problema è che, come già nel caso dei broccoli, molti stanno facendo notare come il metodo descritto riguardi le procedure di riproduzione tradizionali dei peperoni, ossia esattamente ciò che è stato espunto dal brevetto dei broccoli.

A rendere ancora più folle l'intera vicenda c'è il fatto che il brevetto sui peperoni è stato concesso a Sygenta, una delle aziende che nel caso dei broccoli s'era opposta alla concessione del brevetto per quegli stessi motivi che invaliderebbero quello attuale.

A tutto ciò sta cercando di opporsi l'organizzazione No Patents On Seeds (Nessun Brevetto Sui Semi), la quale ha ufficialmente dichiarato: «Quest'ultimo brevetto mostra che l'EPO è fuori controllo. Stanno ignorando il voto del Parlamento Europeo. Continuano a concedere brevetti sui sistemi tradizionali di riproduzione. Una decisione politica potrebbe fermare questi brevetti in pochi mesi. Dobbiamo far pressione sui nostri governi perché intervengano attivamente subito».

Il problema - come è spiegato da No Patents On Seeds - è che la concessione di brevetti di questo tipo rischia di rendere i coltivatori sempre più dipendenti da poche aziende internazionali per ottenere i semi e di ridurre, alla fine, le possibilità di scelta per i consumatori.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La frutta con malformazioni conquista i social network
Kim Dotcom rivendica brevetto doppia autenticazione
McAfee e il brevetto per bloccare la pirateria online
Microsoft brevetta il telefono che si zittisce al cinema
Troll dei brevetti, un pericolo per l'innovazione

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)


@ Gummy Bear Chiedi a Zievatron cosa copre il suo brevetto relativo alla riproduzione umana tradizionale... :wink:
3-6-2013 19:14

Le scopate, sono ancora libere o bisogna pagare royalty a qualche multinazionale?
3-6-2013 13:43

Per me questi signori dell' EPO si sono fatti di link :ipno: :ipno:
2-6-2013 23:46

@ Zievatron E chi dice che non lo devi dire... io sono assolutamente d'accordo con te. :twisted: :twisted: :twisted:
2-6-2013 20:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la più grande inquietudine che hai a casa e che la domotica potrebbe risolvere?
Sentirsi insicuri in casa quando si è lì da soli.
Che le persone lascino le luci accese quando non serve.
Dimenticarsi se le porte sono state chiuse a chiave o se le finestre sono state chiuse a dovere.
Familiari anziani non autosufficienti quando in casa sono soli.
Preoccuparsi della sicurezza quando siamo lontani.
Perdere tempo a girare per casa ad accendere o spegnere le luci.
Preoccuparsi che le attrezzature della cucina (per esempio il forno) siano state lasciate accese accidentalmente.
Preoccuparsi che la casa sembri vuota quando siamo lontani.
Possibili incidenti nelle zone della casa che non sono adeguatamente illuminate durante la notte.
La casa è troppo calda o troppo fredda per il dovuto comfort.

Mostra i risultati (1041 voti)
Gennaio 2022
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 20 gennaio


web metrics