Dormito male? Colpa della luna piena

Uno studio rivela che il nostro satellite influenza il riposo notturno.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-07-2013]

M luna riposo notturno sonno

C'è chi sostiene di averlo sempre saputo: con la luna piena si dorme male. Ora, però, è arrivata una prima conferma scientifica a dimostrare che davvero il nostro satellite ha un'influenza sul riposo notturno.

Con uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology alcuni ricercatori dell'Università di Basilea, guidati da Christian Cajochen, hanno pubblicato l'evidenza raccolta con i propri esperimenti.

Hanno monitorato i cicli di sonno di diversi volontari nel corso del tempo, annotando l'attività cerebrale, i movimenti oculari e la produzione di ormoni durante i periodi di sonno, concentrandosi in particolare sui livelli di melatonina, importante per i cicli di sonno e veglia.

I volontari sottoposti agli esperimenti non sapevano in quale periodo del ciclo lunare si trovassero e per essere sicuri di ciò sono stati tenuti in un laboratorio senza finestre.

I ricercatori hanno potuto invece correlare la qualità del sonno con le fasi lunari, notando come durante la luna piena il sonno fosse più disturbato.

Sondaggio
Recenti scoperte genetiche affermano che l'invecchiamento è controllabile e quindi potremo vivere tutti più a lungo. Cosa ne pensi?
E' una grande scoperta, sono contento di vivere più a lungo.
L'importante è poter vivere bene e in salute.
Trovo che la genetica si stia spingendo oltre i limiti umani.
Significa che dovremo tutti lavorare più a lungo e andare in pensione più tardi.
Questo contribuirà al sovraffollamento del pianeta.

Mostra i risultati (5596 voti)
Leggi i commenti (12)

Nel dettaglio, l'attività cerebrale legata al sonno profondo diminuiva del 30%, occorreva più tempo per addormentarsi (almeno cinque minuti) e si dormiva circa 20 minuti in meno.

Si tratta - spiegano i ricercatori - «della prima prova affidabile del fatto che il ritmo lunare può modulare la struttura del sonno negli uomini».

Secondo il professore Cajochen, la spiegazione potrebbe trovarsi nel retaggio di un remoto passato, quando la luce della luna impediva ai nostri antenati di dormire più al sicuro, protetti dal buio; oppure ci potrebbe essere un legame tra la luna e la riproduzione, come accade per alcuni animali.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Scienziati hanno scoperto il vero motivo per cui si dorme
44 anni fa il primo passo sulla Luna
Le foto della super luna
Occhi al cielo per la superluna, ma attenzione: non è rosa
E' morto Neil Armstrong

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)


@eratostene :clap: :clap: :clap: Però, forse è vero che Galileo si stava sì rivoltando nella tomba. Per i commenti inopportuni. :wink:
29-7-2013 23:13

allora: mi rivolgo prima di tutto a quelli che propongono di "andare a lavorare" o scemenze simili: prima di aprire bocca (pardon,,, digitare sulla tastiera) senza sapere ciò di cui si parla. alcune riflessioni sparse, precisando di non essere un biologo 1. Current Biology è una rivista edita dal principale editore... Leggi tutto
29-7-2013 17:39

@Roberto1960 A me, lo studio della correlazione tra il tasso di umidità dell'aria e l'altezza dei salti delle rane sarebbe piaciuto di più. :rocklicker: L'articolo riporta L'entità dell'influenza, che non è specificato se si tratta di una media o di un massimo tra i soggetti osservati, dando per scontato che si tratti di una... Leggi tutto
28-7-2013 23:01

Può anche darsi che la ricerca sia stata fatta seriamente e che la correlazione segnalata sussista effettivamente, cosa di cui dubito (ma è solo una mia personalissima sensazione). Tuttavia a questo stadio si tratta semplicemente di una analisi statistica. Che ciò sia parte del metodo scientifico è corretto, ma pubblicare un articolo... Leggi tutto
28-7-2013 10:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (399 voti)
Giugno 2020
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Il software per impersonare gli altri su Zoom e Skype
Tutti gli Arretrati


web metrics