Cervelli connessi via Internet, l'uno guida i movimenti dell'altro

Grazie alla prima ''fusione mentale'' via Internet, un ricercatore è riuscito a muovere la mano di un collega semplicemente col pensiero.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-08-2013]

cervelli connessi

«Internet è stato un modo per connettere i computer, e adesso può diventare un modo per connettere i cervelli»: con queste parole Andrea Stocco, assistente di psicologia all'Università di Washington, ha iniziato a raccontare il successo della prima trasmissione di segnali da cervello a cervello.

Stocco e il collega Rajesh Rao, professore di ingegneria informatica, sono stati testimoni e cavie del primo esperimento mirato a realizzare un'interfaccia cerebrale tra due persone: Rao è riuscito a muovere a distanza, col pensiero, la mano di Stocco.

Il professor Rao ha preso posto in un'aula del campus, ha indossato un'apparecchiatura per l'elettroencefalografia collegata a un computer e s'è posto davanti al monitor di un PC, sul quale era stato caricato un semplice videogioco.

Dall'altra parte del campus il professor Stocco s'è seduto davanti a una tastiera di PC indossando sulla testa un apparecchio per la stimolazione magnetica transcranica, collegata anch'essa a un computer.

I due computer erano connessi via Internet; lo scopo dell'esperimento era capire se fosse possibile trasmettere segnali cerebrali attraverso la Rete.

Sondaggio
La società di consulenza McKinsey ha individuato 12 tecnologie "dirompenti", capaci di dare una spinta all'economia, migliorando produttività, favorendo i consumi e trasformando completamente la vita quotidiana. Quale sarà la più importante?
Internet Mobile
Software in grado di prendere decisioni autonome
Internet delle cose
Tecnologia cloud
Robotica avanzata
Auto che si guidano da sole
Genomica di nuova generazione
Batterie di nuova concezione
Stampa 3D
Materiali evoluti (grafene ecc.)
Metodi avanzati per trovare ed estrarre gas e petrolio
Energie rinnovabili

Mostra i risultati (2949 voti)
Leggi i commenti (32)

I risultati hanno reso entusiasti i ricercatori: quando Rao pensava di muovere l'indice della mano destra per premere la barra spaziatrice (e giocare così al videogame), l'impulso veniva raccolto dalla macchina per l'elettroencefalografia e trasmesso all'apparecchio indossato da Stocco; ed era la mano di Stocco a muoversi.

I due professori non potevano vedersi né sentirsi: Stocco ha affermato di avvertire come un tic nervoso e vedeva la propria mano muoversi indipendentemente dalla propria volontà. Se avesse voluto avrebbe potuto impedire il movimento ma, lasciando invece fare, Rao poteva controllare la mano del collega.

«È stato allo stesso tempo entusiasmante e inquietante vedere che un'azione immaginata dal mio cervello veniva tradotta in azione da un altro cervello» ha raccontato Rao. «Si è trattato in sostanza di un flusso di informazioni a senso unico dal mio cervello al suo. Il prossimo passo consiste nell'avere una conversazione più equa, bidirezionale, direttamente tra due cervelli». L'articolo continua dopo il video.

Siamo quindi arrivati alla trasmissione del pensiero? Non ancora, ma il sogno è quello. Per il momento si riescono a trasmettere solo dei segnali semplici, che possono essere bloccati dalla volontà del ricevente; ma pare che le possibilità che si aprono siano molto grandi.

«Un'interfaccia tra il cervello e il computer è qualcosa di cui si parla da tantissimo tempo» - ha raccontato la moglie di Stocco, Chantel Prat, anch'essa insegnante presso l'Università e partner nell'esperimento. «Noi abbiamo connesso un cervello al computer più complesso che sia mai stato studiato, cioè un altro cervello».

E mentre parla, scherzando, di fusione mentale vulcaniana, Andrea Stocco immagina un futuro ancora lontano molti anni in cui questa tecnologia potrà per esempio permettere a un pilota a terra di aiutare un assistente o un passeggero a far atterrare un aereo, o a una persona con disabilità di comunicare i propri bisogni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Entro dieci anni gli hacker ci ruberanno i ricordi dal cervello
Samsung comanda i tablet con le onde cerebrali
Sindrome dell'arto fantasma su persone non amputate
Sei di destra o di sinistra? Dipende da architettura cervello
Occhio bionico, primo successo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Concordo con le considerazioni di Roberto1960, il mezzo attraverso cui i comandi viaggiano è marginale, l'aspetto più importante e veramente assai inquietante di questa notizia è quello del controllo del cervello altrui (sempre che sia tutto vero).
5-9-2013 19:14

Non mi piace per niente questo tipo di sperimentazione. :shock: Ma sono pienamente d'accordo con Gustavo. :(
31-8-2013 22:48

{Max}
Samsung addirittura ha già brevettato un sistema di comunicazione tramite il pensiero, questi 2 hanno scoperto l' acqua calda.
31-8-2013 17:29

{Gesualdo Gustavo}
Ricercatore italiano in fuga dall'idaglia degli idagliani realizza negli USA il sogno di ogni scienziato di tutti i tempi: la trasmissione del pensiero a distanza. Andrea Stocco invia un pensiero all'Italia: Vaffaaaa!!!!!!!! Idagliani: razza di idioti che cacciano il meglio e si fanno governare dal peggio. Gustavo Gesualdo ... Leggi tutto
31-8-2013 12:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Aprile 2021
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Hard disk a confronto con SSD nei data center
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 11 aprile


web metrics