Al cinema coi Google Glass, arrestato per pirateria

Un uomo è stato costretto a lasciare la sala da agenti dell'FBI che poi l'hanno trattenuto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-01-2014]

Google Glass cinema

Un giorno, forse, vedremo fuori dalle sale cinematografiche dei cartelli che reciteranno «Vietato entrare con i Google Glass», o qualcosa di simile.

Dopotutto, si tratta pur sempre di occhiali dotati di videocamera, e chissà mai che a qualcuno venga in mente di utilizzarli per piratare un film: in quel caso, sarà meglio avere pronto un servizio di sorveglianza che blocchi il pericoloso criminale.

In realtà non c'è bisogno di aspettare "un giorno" perché tutto ciò si avveri: è già accaduto a un americano, lettore del blog The Gadgeteer che si è recato al cinema indossando i Google Glass, anche perché vi aveva fatto montare le lenti correttive per la miopia e quindi non sarebbe stato saggio separarsene.

Dopo un'ora buona di film, l'uomo è stato avvicinato da qualcuno che ha mostrato (nel buio delle sala) un distintivo e gli ha strappato gli occhiali di dosso ordinandogli di seguirlo fuori; dopo aver obbedito si è trovato all'ingresso del cinema dove diversi poliziotti e agenti della sicurezza interna lo stavano aspettando.

Il motivo di tutto ciò è precisamente quello cui accennavamo all'inizio: tutti credevano che stesse piratando il film con la (peraltro non eccezionale) videocamera integrata negli occhiali.

Sondaggio
Il governo Letta ha approvato la possibilità di detrarre dalle tasse fino a 1.000 euro di libri scolastici e universitari, e fino ad altri 1.000 euro di testi di editoria generale. Peccato che si parli di libri soltanto cartacei, gli ebook sono esclusi.
Il provvedimento è giusto e incentiva la diffusione della lettura. - 12.6%
Il provvedimento è buono ma andrebbe esteso anche agli ebook. - 59.5%
Il provvedimento è sbagliato: la lettura è un fatto privato e lo Stato ha già troppi debiti. - 11.9%
Non mi riguarda perché leggo poco. - 2.8%
E' una cosa buona ma tanto gli italiani continueranno a leggere poco. - 13.3%
  Voti totali: 716
 
Leggi i commenti (8)

Due uomini si sono qualificati come agenti del Dipartimento di Sicurezza Interna e l'hanno interrogato per tre ore, durante le quali non hanno fatto altro che cercare di spingerlo a confessare e a denunciare le persone per le quali faceva il pirata.

Solo alla fine, sebbene il poveretto l'avesse suggerito fin dall'inizio, qualcuno ha avuto l'idea di portare un laptop e controllare le registrazioni degli occhiali, scoprendo ciò che da ore l'uomo andava ripetendo: i Google Glass erano spenti e il materiale era costituito esclusivamente da foto e filmati personali.

Agenti e gestori del cinema hanno porto le scuse e regalato due biglietti omaggio all'uomo (uno della moglie, presente alla scena e spaventata tanto quanto il marito), ai quali poi ne sono stati aggiunti altri due a mo' di compenso.

L'uomo ha deciso di non portare la cosa in tribunale per evitare di rivivere i momenti che ha passato nel cinema.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Cinavia, il sistema antipirateria inutile
MPAA: Google Glass non sono minaccia, gli smartphone sì
I MetaPro lanciano la sfida ai Google Glass
I Google Glass protagonisti a Digiarte 2013
Una minaccia tutta italiana per i Google Glass
GlassUp, gli occhiali a realtà aumentata tutti italiani
Il primo porno girato coi Google Glass
Google Glass, un pericolo per la privacy?

Commenti all'articolo (4)


Allucinante! :shock: :shock: :shock: In un cinema americano si può tranquillamente entrare con un'arma e fare una strage, ma se ci entri con i Goggle glass spenti ti trattano come un terrorista. :twisted: :roll: Concordo con ant_villani, ha fatto malissimo a non denunciare tutti per gli abusi subiti.
25-1-2014 15:03

{ice}
Agenti FBI mobilitati in meno di un'ora Leggi tutto
24-1-2014 20:12

Secondo me ha fatto male a non portare la cosa in tribunale, avrebbe creato un precedente che in America fa' legislatura.
23-1-2014 08:00

Ma a parte tutto, che collo fermo bisognerebbe avere per registrare un film con una videocamera installata sui propri occhiali? Gia' non vado praticamente mai al cinema, ma notizie come questa mi fan passare ulteriormente la voglia.
23-1-2014 03:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Facebook è un gran bel social network, però...
... genera dipendenza e condiziona la mia vita reale.
... mi rende più ansioso o più depresso del solito.
... non c'è nessun "però".
... non lo uso.

Mostra i risultati (2457 voti)
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Tutti gli Arretrati


web metrics