Europol: non usate i WiFi pubblici

Sono a rischio di furto di dati. Come difendersi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-03-2014]

tunnelbear

Troels Oerting, responsabile dell'Europol (Ufficio di Polizia Europeo) per la lotta al crimine informatico, ha messo in guardia gli internauti contro il rischio di furto di dati sensibili se usano gli accessi WiFi pubblici.

In un'intervista alla BBC, Oerting ha segnalato la crescita degli attacchi effettuati utilizzando questi accessi "per rubare informazioni, identità o password e soldi... dovremmo insegnare agli utenti che non dovrebbero gestire informazioni sensibili quando usano un WiFi aperto non sicuro."

Il WiFi di casa va bene, ha aggiunto, ma è meglio evitare l'accesso senza fili spesso offerto da luoghi di ristoro o locali pubblici.

La tecnica d'attacco è semplice: il criminale crea un hotspot WiFi che somiglia a quelli pubblici (non è difficile, basta un laptop o uno smartphone) e convince le persone a collegarsi a Internet tramite quell'hotspot.

In questo modo i dati delle vittime transitano dai dispositivi del criminale che, con il software opportuno, può intercettarli e decifrarli.

Sondaggio
Utilizzi una VPN?
Sì, utilizzo un servizio gratuito.
Sì, utilizzo un servizio a pagamento.
No, ma mi piacerebbe risultare anonimo quando uso Internet.
No, non mi interessa essere anonimo.
Non so che cosa sia una VPN.

Mostra i risultati (1472 voti)
Leggi i commenti (8)

L'attacco in sé non è una novità (in gergo si chiama "man in the middle", letteralmente "uomo che si mette in mezzo"): uno dei casi più noti riguarda il Parlamento europeo, che qualche mese fa ha spento il proprio sistema WiFi pubblico dopo che un informatico ha dimostrato quanto era facile usarlo per compiere proprio questo genere d'incursione.

La difesa, per fortuna, è semplice: usare la connessione dati cellulare invece del WiFi. Purtroppo questo diventa assai costoso se si è in roaming.

In casi come questo si può usare il WiFi pubblico, avendo però l'accortezza di adottare un software di cifratura della connessione (VPN), che ha il vantaggio aggiuntivo di mascherare la reale posizione geografica e di scavalcare i filtri adottati da molti fornitori d'accesso (consentendo, per esempio, di vedere i video di Youtube che hanno restrizioni geografiche).

Alcuni nomi: Anonymizer, Avast SecureLine, TunnelBear, disponibili per Windows, Android e iOS.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Approfondimenti
Microsoft WiFi sostituirà Skype
Roaming traffico dati, dal 1 luglio costi dimezzati
Londra, la polizia compra banner sui siti pirata
Una VPN per superare i firewall cinesi

Commenti all'articolo (5)

Il problema è che quando tu vai su un sito, leggi la posta ecc non hai un pezzo di cavo unico tra il tuo computer/telefono e il server a cui ti colleghi, passi attraverso un bel numero di altri sistemi/reti che compongono quel pezzo di internet tra te ed il server. Per fare un paragone postale quando spedisci una lettera non è che questa... Leggi tutto
16-3-2014 23:53

quelli sopra citati sono solo i più blasonati e probabilmente a fini pubblicitari zeus news ci guadagna qualcosa nel citarli, comunque per PC ve ne sono anche altri, sopratutto free e altrettanto validi, ma non mi pare questo il luogo adatto ove parlarne, uno dei migliori motori di ricerca può sicuramente aiutarti a trovare ciò che... Leggi tutto
14-3-2014 21:09

Questo mi mette in maggior confusione! Devo pensare che il problema concerne solo gli smartphone? Che una vpn nei collegamenti ai wifi pubblici serve solo se si usa uno smartphone? I software citati sono disponibili anche per i sistemi operativi dei personal computer. Sono a pagamento, salvo uno che ha una versione "light" free... Leggi tutto
14-3-2014 18:09

Caro il mio Hulk, nell'articolo si parla dei sistemi operativi degli smartphone (Windows, Android, IOS), MAOSX è un OS per Personal Computer che nulla ha a che fare con il Mondo degli Smatrphone a cui fa riferimento l'ultima parte dell'articolo in quanto si consigliava come proteggersi da tale attacco nel caso si usase uno smartphone per... Leggi tutto
14-3-2014 11:09

Scusa la mia ignoranza. Ho visto che due dei tre sw per vpn citati funzionano anche con MACOSX. C'è un motivo per cui MACOSX non è citato fra i sistemi operativi supportati? Grazie
14-3-2014 07:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la più grande inquietudine che hai a casa e che la domotica potrebbe risolvere?
Sentirsi insicuri in casa quando si è lì da soli.
Che le persone lascino le luci accese quando non serve.
Dimenticarsi se le porte sono state chiuse a chiave o se le finestre sono state chiuse a dovere.
Familiari anziani non autosufficienti quando in casa sono soli.
Preoccuparsi della sicurezza quando siamo lontani.
Perdere tempo a girare per casa ad accendere o spegnere le luci.
Preoccuparsi che le attrezzature della cucina (per esempio il forno) siano state lasciate accese accidentalmente.
Preoccuparsi che la casa sembri vuota quando siamo lontani.
Possibili incidenti nelle zone della casa che non sono adeguatamente illuminate durante la notte.
La casa è troppo calda o troppo fredda per il dovuto comfort.

Mostra i risultati (964 voti)
Luglio 2020
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Tutti gli Arretrati


web metrics