I torrent in streaming di Popcorn Time sono tornati in vita

Chiuso per paura delle major, il Netflix dei pirati è risorto grazie a un nuovo team.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-03-2014]

popcorn time risorto

Appena la scorsa settimana raccontavamo la storia di Popcorn Time, l'applicazione per lo streaming via Torrent battezzata ufficiosamente "il Netflix dei pirati".

Appoggiandosi al popolare protocollo BitTorrent permetteva di vedere in streaming centinaia di film, spesso in alta qualità e con i sottotitoli.

Se ora siamo costretti a parlarne al passato è perché il 14 marzo scorso Popcorn Time ha chiuso i battenti: sebbene i suoi sviluppatori affermassero e affermino tuttora che il software è legale, l'attenzione guadagnata negli ultimi giorni ha portato con sé anche gli occhi indiscreti delle major.

«Popcorn chiude oggi» hanno scritto gli sviluppatori sul sito. «Non perché abbiamo esaurito le energie, l'impegno, la concentrazione o gli alleati. Ma perché abbiamo bisogno di andare avanti con le nostre vite».

«Il nostro esperimento ci ha portati sulla soglia dell'infinito dibattito sulla pirateria e sul diritto d'autore, di minacce legali e di organizzazioni ambigue che ci fanno sentire in pericolo perché facciamo ciò che amiamo. E questa non è una battaglia in cui vogliamo trovarci» spiegano ancora i creatori di Popcorn Time.

Sondaggio
Negli ultimi 12 mesi hai danneggiato accidentalmente un oggetto tecnologico portatile? (per esempio smartphone, fotocamera, notebook, tablet, ebook reader)
Sì, mi è caduto a terra.
Sì, mi è caduto in acqua (o ci ho versato dei liquidi).
Sì, ci ho lasciato giocare un bambino.
Sì, mi ci sono seduto sopra.
Sì, mentre lo lanciavo a un amico (o sulla scrivania).
No.

Mostra i risultati (2262 voti)
Leggi i commenti (12)

Così la vicenda sembra concludersi con una resa preventiva, prima ancora che il nemico abbia avuto l'occasione di sparare un colpo: sono bastate le minacce; anzi, è bastata la possibilità di una minaccia.

Però in realtà la storia è tutt'altro che conclusa: perché Popcorn Time è open source e, per un team che lascia, ce n'è un altro pronto a prenderne il posto.

Il codice del software è stato preso in carico da YTS (precedentemente noto come YIFI-Torrents), che ha subito provveduto a creare un nuovo sito e a rendere nuovamente disponibile l'applicazione.

«La decisione di chiudere il progetto è stata presa contro la volontà degli utenti e della comunità ma, per fortuna, le idee non muoiono mai e in particolare non muore questa idea, che indossa un vestito open source sin dal primo giorno» hanno fatto sapere i nuovi sviluppatori.

Popcorn Time è dunque rinato, e nuovi aggiornamenti seguiranno nelle prossime settimane.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Popcorn Time adesso è anche un'app
Zona, il paradiso dello streaming video
Che succede a Popcorn Time?
Popcorn Time, lo streaming via torrent
In 200mila usano Netflix illegalmente... pagando l'abbonamento
ARM presenta il processore anti-pirateria
Da BitTorrent a YouTube, i responsabili del traffico Internet mondiale
Torrent, traffico +40% in sei mesi

Commenti all'articolo (3)

Ribadisco, senza i film in italiano, per me (e tanti altri) è come se non esistesse.
21-3-2014 23:56

Il problema è che non c'è nulla in italiano. Ho tentato con il "cerca" di trovare qualcosa ma è tutto in lingua inglese. Il discorso sottotitoli poi...non ce ne era uno che lo fosse realmente. Peccato perchè come software è carinissimo, ma è solo streaming cosa che se non hai una buona linea ADSL diventa snervante per i... Leggi tutto
18-3-2014 14:51

{Shiba}
W l'Open Source!
18-3-2014 13:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2618 voti)
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Fregare Big Pharma con il vaccino
Tutti gli Arretrati


web metrics