Uber, ecco quanto guadagna un autista a New York

Molto più di quanto faccia un tradizionale tassista.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-06-2014]

uber guadagni

Uber, sebbene odiato dai tassisti, è apprezzato dagli utenti per via della sua praticità; viene però da chiedersi quanto sia conveniente per coloro che offrono il servizio come autisti.

La risposta a questa domanda viene dal Washington Post: a New York, un autista che lavora con UberX per 40 ore la settimana incassa in media 90,766 dollari all'anno; a San Francisco la cifra è un po' più bassa: 74.191 dollari l'anno. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (2045 voti)
Leggi i commenti (20)
Per contro, un tassista medio negli USA riesce a portare a casa circa 30.000 dollari l'anno.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
UberPop dichiarato fuorilegge, così potrebbe diventare legale
Uber entra in Google Maps sugli smartphone
Uber pensa agli aeroporti
Anche Berlino mette fuorilegge Uber
Uber diventa pony express
L'app più odiata dai tassisti, in sciopero selvaggio a Milano

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Completamente d'accordo! Non si possono confrontare mele con pere e trarre conclusioni. Leggi tutto
7-6-2014 16:15

Se fosse vero sarebbe da prendere il primo "barcone" solo andata per gli USA e cominciare a fare quel mestiere! Ma non penso sia così roseo... Presumo che anche negli USA si possa fare questo lavoro da autonomi o assunti da ditte di trasporto, che sia il tassista che l'ncc che usa Uber. Anzi in servizio che usa Uber sembra un... Leggi tutto
6-6-2014 10:37

{antonio}
A Milano la velocità media di giorno dei mezzi pubblici è di 12 km/h (trovate in rete i dati. Anche se un autista lavorasse 10 ore di fila (tutto a discapito della sicurezza, senza pause per andare in bagno o mangiare) potrebbe percorrere al massimo 120km. Moltiplicate la tariffa al km per 120 e ottenete l'ipotetico... Leggi tutto
5-6-2014 22:50

il problema è che i numeri indicati non parlano di come funziona in Italia, ma erano relativi agli Stati Uniti (new york, etc). Li le cose funzionano diverse. Quello che fotografi tu è quello che in effetti avviene in Italia
5-6-2014 12:59

No franz, è il contrario...solitamente il tassista si acquista la licenza da un altro tassista a caro prezzo e lavora in proprio come lavoratore autonomo. L'uber tassista già conosciuto come ncc (noleggio con conducente) solitamente è assunto da aziende di trasporti persone. L'ncc può essere anche un lavoratore autonomo, con regolare... Leggi tutto
5-6-2014 12:31

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Con quale delle seguenti affermazioni, tutte relative a siti che vendono coupon e buoni sconto online, concordi di più? (Se vuoi dare risposte multiple utilizza i commenti)
Sono un cliente abituale dei siti di coupon e in generale posso dichiararmi soddisfatto delle promozioni attivate tramite questo mezzo innovativo.
Apprezzo i coupon soprattutto per provare quelle strutture dove non sono mai stato, o servizi che non ho mai utilizzato prima.
Acquisto talvolta i coupon ma purtroppo molte volte non riesco a utilizzarli prima della loro scadenza, pertanto penso di diminuire questa attività o di continuare a farlo saltuariamente.
Acquisto i coupon soprattutto per usufruire dello sconto e raramente acquisto nuovamente un servizio o torno in una struttura a "prezzo pieno".
Solitamente acquisto un coupon soltanto se conosco già la struttura o il servizio offerto, non voglio fregature.
Mi è capitato spesso di prendere delle fregature o di non essere servito alla stregua degli altri clienti, pertanto penso che non acquisterò più coupon.
Non ho mai acquistato un coupon.

Mostra i risultati (1690 voti)
Giugno 2021
Google Workspace diventa gratuito per tutti
Tutti gli indizi che puntano a Windows 11
Gli hard disk al grafene sono 10 volte più capienti
Microsoft nasconde la fotocamera sotto lo schermo che forma il logo di Windows
Il nuovo Windows 10 si svela a fine mese
Nuova tecnica contro il ransomware: ingannare il sistema di pagamento
Maggio 2021
Malvivente condannato grazie a una foto delle dita pubblicata online
Annunciata la prossima generazione di Windows
Guidi male? Forse è un primo segno di demenza
Scarsità di chip, televisori più cari del 30%
Arriva Android 12, più veloce, più personalizzabile e più attento alla privacy
Nella Tesla schiantatasi con “nessuno” al volante c’era qualcuno al volante
WhatsApp, funzionalità ridotte se non si vogliono regalare i dati a Facebook
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Bye bye, Emotet
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 15 giugno


web metrics