Concorrenza sleale tra Telecom e Tin.it?

Una lettera su un caso molto comune di concorrenza tra i due Internet provider.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-05-2003]

Pino Bruno, importante giornalista specializzato in divulgazione telematica ci ha scritto una lettera su un caso comune, certamente, a moltissimi altri utenti di Internet.

Cari Amici,
Nei giorni scorsi sono stato protagonista involontario, quasi vittima di un episodio di scorrettezza commerciale (come definirlo altrimenti) di Telecom Italia nei confronti di Tin.it. Tutto è cominciato il 15 maggio, con una telefonata ricevuta a casa da parte di una signora che ha detto di parlare per conto di Telecom Italia.

Sappiamo che lei è abbonato al servizio Adsl di Tin.it mi ha detto, e le proponiamo di passare ad Alice con un congruo sconto. Lei non deve fare nulla, ha proseguito, perché la modifica contrattuale e le procedure tecniche saranno gestite direttamente da noi. Deve soltanto inviare un fax al numero xxxx, per disdire l'abbonamento con Tin.it.

Allettato dallo sconto sul canone - circa venti euro a bolletta - dico di accettare con riserva. Il 22 maggio ricevo a casa una comunicazione ufficiale di Telecom-Alice con user-id e password per perfezionare il passaggio al nuovo Provider. Prima di agire, però, chiamo il 187 e scopro che il passaggio è indolore dal punto di vista tecnico, ma intanto non c'è la contestuale migrazione dei precedenti account di posta elettronica di Tin.it verso Alice.

Chiamo allora il customer service di Tin.it. Non ne sanno nulla. Confermano che nel passaggio perderei i miei vecchi account di e-mail e che dovrei comunque pagare il canone Tin.it fino alla scadenza naturale del contratto. Nel mio caso è ottobre. Per fortuna non ho spedito il fax di disdetta! Sarei stato costretto a pagare, sia pure per qualche mese, un doppio abbonamento per lo stesso servizio Adsl! Naturalmente non ne ho fatto nulla e ho deciso di restare con Tin.it.

Aldilà dell'esperienza personale, alcune considerazioni: Telecom Italia ha fatto un uso per lo meno leggero, se non spregiudicato, delle informazioni personali che mi riguardavano. Una violazione della privacy? Quasi certamente. Inoltre mi chiedo e vi chiedo: è corretto questo comportamento commerciale ai danni di un altro provider, per di più dello stesso gruppo aziendale?
Pino Bruno-giornalista/scrittore.

Risposta

Caro Pino,
grazie per l'e-mail. Hai ragione: Telecom Italia ha approfittato del fatto di essere il gestore della rete telefonica a cui sei abbonato, e quindi di essere a conoscenza dei tuoi dati di traffico Internet (e quindi del fatto di essere un potenziale buon cliente di Alice) e la linea Rete di Telecom Italia ha passato questi dati alla linea commerciale che ti ha proposto di abbonarti all'Adsl di Telecom Italia. Inoltre Tin.it compra le connessioni Adsl che poi rivende ai clienti proprio da Telecom Italia come fanno gli altri gestori.

Il problema è che Tin.it. che dovrebbe e potrebbe ricorrere all'Authority contro Telecom Italia per concorrenza sleale non lo farà, perché Tin.it appartiene a Seat-Pg che è di proprietà di Telecom Italia e anche dopo la scissione di Seat in due aziende (ed una, quella che si occupa degli elenchi telefonici, sarà presto venduta) le attività Internet rimarranno a Telecom Italia e, probabilmente, nel giro di 1-2 anni il marchio Tin.it sparirà e ci sarà solo Alice di Telecom Italia, che si potrà permettere maggiori economie di scala nella promozione e nell'assistenza. D'altra parte fino al 1998 era così: Alice non esisteva e Tin.it non era una società a sé stante ma la linea Internet di Telecom Italia.

Quindi si tratta di una concorrenza sleale "autorizzata e controllata" dallo stesso unico Gruppo, che danneggia principalmente i piccoli azionisti di Seat che non siano contemporaneamente azionisti di Telecom Italia. L'unica cosa che può fare un cliente è chiedere a Telecom Italia, in base alla legge sulla privacy, di non ricevere offerte pubblicitarie e di non passare i suoi dati a terzi(basta chiamare il 187 e chiederlo all'operatrice).

Certamente un altro gestore, Wind piuttosto che Fastweb potrebbe contestare questo passaggio di informazioni che nei loro confronti, invece, non avviene. Lo hanno già fatto in passato chiedendo che i dati sul traffico e sul passaggio di un cliente da un gestore all'altro non venissero comunicati dalla linea Rete di Telecom Italia alle linee commerciali, anzi avevano chiesto addirittura la separazione della Rete dalla Telecom commerciale.

L'Authority ha già censurato questo passaggio di informazioni come concorrenza sleale, ha chiesto che non avvenga più e ha multato Telecom Italia e potrebbe farlo ancora. E' possibile anche che Telecom Italia sia in futuro più accorta e, pur continuando a passare le informazioni, imponga ai suoi addetti di fare promozioni sui clienti in base ai dati ma senza far capire troppo chiaramente che il cliente è osservato e monitorato.

Il fatto poi che Telecom Italia conceda ai suoi clienti l'uso di una casella e-mail Tin.it (compresa negli abbonamenti Alice) che però non può essere la stessa casella e-mail Tin.it già utilizzata dal cliente è un'assurdità burocratica, che testimonia come le aziende quando devono fare i propri interessi sono molto flessibili (se non spregiudicate) ma lo sono molto meno se si tratta di agevolare un cliente che in questo caso avrebbe dovuto pagare un doppio abbonamento se non voleva perdere l'uso di un indirizzo e-mail, probabilmente, già molto conosciuto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (4)

uazza
...a me è andata peggio! Leggi tutto
2-9-2004 15:35

Alessio Sias
Altri esempi a corredo... Leggi tutto
9-6-2003 13:54

P.S.
Problema diverso:stesso risultato Leggi tutto
2-6-2003 07:58

jor
Piccola precisazione Leggi tutto
29-5-2003 18:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1406 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 giugno


web metrics