ElettroReferendum

Conoscere l'altro Referendum del 15 Giugno: No all'Elettrodotto coattivo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-06-2003]

Tra l'opinione pubblica comincia a crescere, anche se in modo molto inadeguato, la conoscenza dell'oggetto di uno dei 2 Referendum a cui si sarà chiamati a votare il 15 Giugno prossimo: quello sull'abolizione del limite dei 15 dipendenti per l'obbligo di reintegro previsto dall'art.18 dello Statuto dei Lavoratori.

Pochissimi invece conoscono l'altro Referendum: quello per l'abolizione della cosidetta "servitù coattiva" (obbligo di passaggio) di Elettrodotto. Questa scarsa conoscenza delle materie a tema dei Referendum è un limite della nostra democrazia e del nostro sistema informativo: infatti un conto è deliberatamente e coscientemente decidere di non partecipare al Referendum, per evitare che venga raggiunto il quorum, come scelta politica fatta con cognizione di causa perché si rifiuta il metodo referendario per affrontare taluni problemi o perché non si ritiene valido nessun risultato possibile, cioè nè il mantenimento delle norme che si ottiene con il No o la loro abolizione se prevalgono i Si, un altro è se non si va a votare per ignoranza o indiferrenza.

Una cosa che molti non sanno, per esempio, è che, in caso di Referendum plurimi, in cui ci siano più schede, l'elettore può ritirare solo una delle schede che gli interessa, essendo solo un fatto organizzativo la votazione in un unico momento e in un'unica sede.

Vediamo meglio perché e che cosa si vota con l'ElettroReferendum, lo chiameremo così come il Comitato Promotore del Referendum contro l'Elettrodotto coattivo ha voluto chiamare il proprio sito Web di informazione.

Innanzituuto il Referendum, oltre che dai Verdi, dal Partito Umanista, da Rifondazione Comunista è promosso da associazioni dei consumatori come il Codacons, la Federconsumatori, l'Associazione Consumatori Utenti, dal Movimento Consumatori e da associazioni ecologiste come gli Amici della Terra, GreenPeace, le associazioni del Forum Ambientalista e quelle del Forum Difesa della Salute, insieme ad Attac Italia.

Che cosa si propongono i promotori del Referendum? Vogliono cancellare l'art.119 del regio decreto n°1775 del 1933 e l'art. 1056 del Codice civile che prevedono l'obbligo per ogni proprietario di dare passaggio sui suoi terreni alle condutture elettriche. I promotori sostengono che questo obbligo di passaggio(servitù) era ammissibile nel 1933 quando si trattava di portare l'energia elettrica su tutto il territorio nazionale.

Ora, invece, il mantenimento di questa normativa significa privare il cittadino dei suoi diritti e i Comuni dei poteri di pianificare lo sviluppo del territorio. C'è il rischio concreto che, in seguito alla liberalizzazione dell'energia elettrica, si moltiplichino le centrali elettriche con un proliferare di elettrodotti.

Bisogna impedire ai gestori elettrici vecchi e nuovi di continuare a costruire linee elettriche aeree(meno costose di quelle interrate) che deturpano il paesaggio e inquinano attraversando i paesi e che vengono posate vicino case e scuole. Senza la possibilità di imporre il passaggio i gestori dovranno privilegiare l'interramento delle linee e concordare con i proprietari dei terreni e gli enti locali il passaggio degli elettrodotti.

In questo modo si può lottare concretamente contro i rischi dell'inquinamento elettromagnetico, in base al principio di Precauzione che vuole l'introduzione di misure di cautela per la salute, anche in situazioni di incertezza scientifica, nelle quali è ipotizzabile soltanto una situazione di rischio presumibile.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità nel caso dei campi elettromagnetici generati dagli elettrodotti "c'è evidenza sufficiente per invocare il principio di precauzione". L'Istituto Sueriore della Sanità già dal 1995 ha evidenziato la correlazione tra esposizione ed aumento del rischio di leucemia infantile.

Anche l'Agenzia Internazione per la Ricerca sul Cancro(IARC) nel 2001 ha classificato i campi elettromagnetici come "possibilmente cancerogeni per l'uomo". Una vittoria del Si al Referendum potrebbe favorire la revisione della legislazione, attuamente troppo permissiva e centralizzata, per la localizzazione delle antenne della telefonia mobile.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Il caro leader
Caro Antonio, sai che in Italia oggi esiste la più rigorsa legislazione d'Europa contro le elettroradiazioni? Quindi gli elettrodotti non passeranno sopra casa mia, né sopra casa tua. Mi sembra che l'elettroreferendum sia l'ennesimo pretesto per praticare lo sport nazionale di difendere il proprio orticello: via la... Leggi tutto
11-6-2003 21:31

Antonio
Fuori dal mondo Leggi tutto
5-6-2003 16:58

Il caro leader
nonmisentoitaliano sei un grande! Leggi tutto
5-6-2003 12:33

Erik Boni
il principio di precauzione Leggi tutto
4-6-2003 18:46

wl'enel
cha cazzate! Leggi tutto
4-6-2003 18:03

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi citt: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai n a Milano n in altre grandi citt.

Mostra i risultati (2249 voti)
Ottobre 2019
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
Tutti gli Arretrati


web metrics