TOR sotto attacco, anonimato in pericolo

Per mesi alcuni hacker hanno violato la rete.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-08-2014]

tor attacco anonimato

«Gli utenti che hanno gestito o utilizzato dei servizi nascosti dall'inizio di febbraio al 4 luglio devono presumere di essere stati colpiti».

È con queste parole che il progetto TOR rivela l'attacco di cui è stato vittima negli scorsi mesi, presumibilmente a partire dal 30 gennaio.

In quella data, infatti, alla rete TOR si sono aggiunti dei relay realizzati con lo scopo di privare gli utenti dell'anonimato: l'obiettivo era individuare i gestori degli hidden services (i "servizi nascosti, per l'appunto), scoprendone gli indirizzi IP reali.

Per riuscire nel loro intento, gli hacker che hanno attaccato la rete TOR hanno adoperato una vulnerabilità che è stata corretta nelle versioni più recenti, che è dunque importante iniziare subito a utilizzare se ancora si sta usando una vecchia versione.

TOR viene utilizzato da tutti quegli utenti che preferiscono conservare il proprio anonimato in Rete: oltre a chi semplicemente dà valore alla propria privacy, vi sono infatti persone che devono affidarsi a un servizio di anonimizzazione per evitare che le loro attività li mettano in pericolo.

Per questo motivo TOR è ampiamente utilizzato dai dissidenti politici di quei regimi in cui la libertà di parola non è garantita. Inoltre, le caratteristiche di TOR attirano anche l'attenzione di criminali che sfruttano le possibilità di questo sistema per portare avanti i propri traffici illegali (basti pensare al famoso caso di Silk Road).

Sondaggio
Qual è il peggiore tra questi scenari?
I genitori possono alterare il DNA dei loro nascituri in modo che siano più intelligenti (o più prestanti fisicamente).
Gli assistenti ai malati e i badanti delle persone anziane sono per lo più dei robot.
La maggior parte delle persone hanno impiantati dispositivi con sensori di vario genere.
Lo spazio aereo viene aperto ai droni personali.
Un altro (per cortesia inserisci un commento)
Non lo so

Mostra i risultati (2242 voti)
Leggi i commenti (23)

Quanto alle conseguenze dell'attacco, gli sviluppatori di TOR ritengono che «chi ha eseguito l'attacco non sia stato in grado di vedere il traffico a livello di applicazione (ossia quali pagine sono state caricate o se gli utenti abbiano visitato un servizio nascosto)».

L'obiettivo, in ogni caso, non era costituito dai singoli utenti che adoperano TOR per nascondere la propria identità, ma dai servizi che operano sulla rete.

Per quanto riguarda gli autori dell'attacco, invece, le ipotesi sono diverse; la prima coinvolge la Russia, che meno di un mese fa ha messo una "taglia" da circa 80.000 euro su TOR: l'obiettivo è «deanonimizzare» gli utenti di TOR per «assicurare la difesa e la sicurezza della nazione».

In questo panorama rientrano anche le autorità USA: il governo americano, infatti, da un lato è tra i finanziatori del progetto, mentre dall'altro - tramite la NSA - cerca di trovare il modo di decrittare le comunicazioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Arriva la conferma: TOR è stato violato dall'FBI
All'asta 44mila Bitcoin sequestrati a Silk Road
Sequestrato Silk Road 2.0
Il malware che usa Tor per ricattare l'utente
Come finire nel mirino dell'NSA senza passare dal Via
Il caso Tor Browser
La chat è anonima con TOR
TOR lancia la chat anonima e sicura
Usare TOR e i proxy
Chiuso Silk Road, l'Amazon della droga
NSA accede a TOR e agli smartphone

Commenti all'articolo (2)

Così anche gli utenti che usano tor dovranno mettere in conto che potranno essere attaccati? E tutte le loro cose da nascondere scoperte? :?
4-8-2014 16:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si è trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi città: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, è solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai né a Milano né in altre grandi città.

Mostra i risultati (2412 voti)
Ottobre 2021
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 ottobre


web metrics