''Porteremo in tribunale le mamme, i papà e gli studenti''

È la strategia contro il file sharing del ministro delle telecomunicazioni in Australia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-08-2014]

M pirateria denuncia mamme studenti

Quando si tratta di tolleranza zero Malcolm Turnbull, ministro delle comunicazioni australiano, non è secondo a nessuno.

Durante un'intervista televisiva, infatti, il ministro ha spiegato che per combattere la pirateria le strade sono due: da un lato l'educazione, dall'altro l'intimidazione.

Per quanto riguarda la prima strada, che cosa fare è presto detto: far leva sulle usuali analogie tra pirateria e furto, sottolineando come rubare un disco da un negozio non sia diverso dallo scaricare il medesimo contenuto.

Per quanto riguarda l'intimidazione, invece, la faccenda è un po' più complicata e, per il ministro australiano, richiede che i detentori dei diritti diventino un po' più coraggiosi.

Secondo Turnbull fino a oggi le major hanno sbagliato perché si sono dimostrate in linea di massima titubanti a trascinare in tribunale i pirati: far causa a una mamma single, eccezioni a parte, è visto dalle case discografiche e cinematografiche come «cattiva pubblicità».

Sondaggio
Qual è il componente del PC che aggiornerai per primo?
Scheda Wi-Fi
Mouse
Tastiera
Scheda audio
Hard disk
RAM
Schermo
Scheda video
Processore
Tutto il PC

Mostra i risultati (2643 voti)
Leggi i commenti (10)

Eppure, se si vogliono ottenere dei risultati - sostiene sempre il battagliero ministro - occorre mettere da parte queste remore e, a farlo, devono essere innanzitutto coloro che posseggono i diritti sulle opere piratate, che devono agire in prima persona.

«Se la gente capisce che c'è il rischio di venir denunciato e di dover pagare per quello che si è rubato, allora i livelli di furto e infrazione caleranno» ha dichiarato.

«È di importanza vitale che i detentori dei diritti siano pronti a rimboccarsi le maniche e perseguire i singoli individui. Devono essere pronti a trascinare in tribunale le persone. Devono far causa a mamme e papà e studenti che rubano i loro contenuti. Non possono aspettarsi che tutti gli altri lo facciano per loro».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Cinavia, il sistema antipirateria inutile
Mamma pirata multata per 1,5 milioni di dollari

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

E' chiaro che dal loro punto di vista ha senso. Avere magari un centinaio di flussi da gestire per un singolo utente ha un peso sule linee e giustamente ritengono la cosa abbia un prezzo. Il problema semmai sono quei provider che non lo indicano chiaramente. ________________ Decrease your exam stress by using our latest... Leggi tutto
28-2-2015 06:40

Se questi ministri dell'ortaggio a merenda scoprissero che a sostenere certe tesi si finisce in carcere e si rischia di restarci per un pezzo, forse rifletterebbero e si ricredrebbero. :evil: :evil: :evil:
19-8-2014 00:08

ormai anche i byte sono qualcosa di fisico, acquisisci un diritto come per i servizi Leggi tutto
18-8-2014 16:15

In ogni caso vedremo alle prossime elezioni se queste sue affermazioni e considerazioni saranno state o meno apprezzate dagli elettori australiani. :wink:
17-8-2014 16:32

Appunto io non ho mai comprato un bluray e neanche un film 3d...al momento non ho gli strumenti per poterli visualizzare, e non mi va di cestinare una tv lcd acquistata nel 2007. C'è da dire che se si aspetta il costo cala, se si vuole la novità si paga. Quanti bluray vedo che costano 5,99 e 9,99? Cd audio a 5,99? Dvd normalissimi... Leggi tutto
8-8-2014 11:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3684 voti)
Marzo 2020
Windows 10, l'aggiornamento causa problemi di connessione
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics