Gli specchi hi-tech che sostituiranno l'aria condizionata

Inventati a Stanford, respingono i raggi del sole e dissipano il calore prodotto dagli edifici.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-12-2014]

specchio hi tech aria condizionata

L'aria condizionata è una grande invenzione che, però, ha un alto costo energetico, con tutto quello che ne consegue.

Un nuovo materiale, inventato da un team dell'Università di Stanford guidato dal professor Shanhui Fan e dal ricercatore Aaswath Raman, permetterà di risolvere il problema raffreddando gli edifici senza dover ricorrere al consumo di energia, con un metodo battezzato raffreddamento fotonico radiativo.

Il materiale in questione è una pellicola ultrasottile - è spessa appena 1,8 micron - costituita da sette strati di biossido di silicio e ossidio di afnio, posti a coprire un sottilissimo strato di argento.

In pratica è una specie di specchio, e proprio questa è in effetti una delle sue due funzioni, nelle quali eccelle: è in grado di riflettere non soltanto la luce visibile, ma anche la radiazione infrarossa, invisibile ma responsabile di buona parte del riscaldamento degli edifici.

I ricercatori ci dicono che questo materiale può riflettere il 97% della luce solare: utilizzandolo per coprire un edificio, si evita che esso venga colpito dalla luce e quindi che si riscaldi.

Sondaggio
Il governo vorrebbe eliminare la tassa di proprietà travestita da canone, trasferendola sulla bolletta della luce. Sei d'accordo?
No
Non lo so

Mostra i risultati (2829 voti)
Leggi i commenti (96)

Non solo: lo "specchio hi-tech" riflette la radiazione infrarossa con una frequenza tale che essa attraversa l'atmosfera senza surriscaldarla. Non c'è quindi pericolo che il calore riflesso finisca per danneggiare il pianeta: «Immaginatelo come una finestra sullo spazio» spiega il professor Fan.

specchio hi tech

L'altra funzione che il sistema di raffreddamento fotonico radiativo svolge è la capacità di "estrarre il calore" dagli edifici e riversarlo non solo all'esterno, ma «nello spazio»: «Il team» - spiega il professore emerito e premio Nobel Burton Richter - «ha mostrato come raffreddare passivamente le strutture semplicemente irraggiando il caldo nella fredda oscurità dello spazio».

Un edificio coperto dal materiale inventato a Stanford irraggerebbe quindi il proprio calore sia di notte sia - contrariamente a quanto suggerirebbe l'intuito - di giorno.

Il team di Stanford per ora ha realizzato soltanto un pannello-prototipo ma ha già in mente in quali impianti si potrebbero produrre pannelli su scala industriale per rivestire gli edifici.

«Ogni oggetto che produce calore deve disperdere il calore tramite un dissipatore» ha raccontato il professor Fan. «Ciò che abbiamo fatto è stato creare un sistema che ci permetta di adoperare il freddo dell'universo come un dissipatore durante il giorno».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La vernice tanto bianca da sostituire l'aria condizionata
L'invenzione italiana che rende potabile l'acqua radioattiva
Riscaldamento globale, le formiche ci salveranno
Coca-Cola raffredda le lattine senza elettricità
Aria condizionata ad energia solare sui treni
Il condizionatore che rispetta l'ambiente e fa risparmiare

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Infatti! D'estate, forse, potrebbe anche essere una bella idea se funziona ma d'inverno quando invece l'edificio deve essere riscaldato quel poco di calore in più sarebbe molto utile... :roll: Leggi tutto
8-12-2014 17:33

{Elisa}
La percentuale di riflessione del 97 percento è normale nei cristalli ed arriva anche al 98 percento in uso comune, non da laboratorio. Persino le pellicole riflettenti da applicare sui vetri arrivano a queste percentuali, I cristalli fungono già da dissipatori ma non possono certo dissipare l'enorme calore da... Leggi tutto
6-12-2014 17:04

Era un post ironico, ti pare che al cambio di stagione smontino tutti i pannelli esterni per rimontarli al contrario? :twisted: :twisted: :twisted: Mauro Leggi tutto
2-12-2014 23:57

Ma infatti l'aluminio che ho usato per la copertura riflette (soprattutto l'infrarosso) anche sotto. Così come i termoriflettenti che dovrebbero essere installati dietro i radiatori. ... Cercate "Casa passiva"... Leggi tutto
2-12-2014 08:37

Ottimo per l'estate. D'inverno li gireranno al contrario e pomperanno calore nell'edificio. Rivestendoci una scatola ci si potrà fare un forno/frigo reversibile. Mi sfugge qualcosa, o sento odore di moto perpetuo? :shock: Mauro Leggi tutto
2-12-2014 05:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (2082 voti)
Settembre 2021
Monopattini elettrici e assicurazione obbligatoria
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 settembre


web metrics