Da Tesla il Powerwall per risparmiare elettricità in casa

La batteria domestica fa calare la bolletta e avvicina il sogno dell'abitazione indipendente dal punto di vista energetico.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-05-2015]

tesla powerwall

La generazione di energia da fonti rinnovabili, come per esempio il fotovoltaico installato nelle case private, pone di fronte a problemi nuovi quali la disponibilità dell'energia stessa.

In media, la domanda domestica di energia elettrica è più alta al mattino e alla sera, quando le persone si alzano e si preparano a uscire e quando tornano dopo la giornata lavorativa; di contro, la produzione di energia solare è più alta durante il giorno, quando spesso in casa non c'è nessuno.

Capita quindi con frequenza che l'energia prodotta di giorno vada sprecata, dato che non c'è nessuno per utilizzarla.

A peggiorare la situazione c'è il fatto che spesso le compagnie elettriche fanno pagare di più l'energia erogata nei momenti di forte domanda (mattino e sera), quando sarebbe quindi maggiormente conveniente poter utilizzare una fonte alternativa che non sia la normale rete elettrica.

Per far quadrare il cerchio la soluzione sta negli accumulatori: grandi batterie che possano per esempio accumulare l'energia prodotta dal fotovoltaico di giorno, quando non viene consumata, e restituirla la sera, quando utilizzare la rete elettrica sarebbe controproducente per il portafogli e la produzione non può avvenire perché, banalmente, il sole non splende.

Le batterie utilizzate in queste situazioni sono in generale ingombranti, poco efficienti (sono al piombo) e sicuramente non belle da vedere.

Tesla, l'azienda nota soprattutto per la produzione di auto elettriche, ha deciso di applicare la propria competenza per creare batterie efficienti, in grado di alimentare un'intera casa e che siano anche sufficientemente eleganti da poter essere esibite in casa: è nato così Powerwall.

Powerwall è costituito da batterie agli ioni di litio, simili a quelle adoperate sulle auto, completate con un sistema di controllo della temperatura a liquido.

È disponibile in due versioni, l'una da 7 kWh (pensata per funzionare in cicli giornalieri) e l'altra da 10 kWh (pensata per fungere da backup, in caso di interruzione della fornitura elettrica), che costano rispettivamente 3.000 e 3.500 dollari; inoltre si possono installare più Powerwall se le necessità di energia sono maggiori, fino a un massimo di 90 kWh per il modello da 10 kWh e di 63 kWh per il modello da 7 kWh.

Sondaggio
Secondo te quale di questi scienziati avrebbe meritato il premio Nobel?
Andrew Benson, per la scoperta del Ciclo di Calvin della fotosintesi clorofilliana.
Dmitri Mendeleev, per l'ideazione della tavola periodica degli elementi.
Fred Hoyle, per gli studi sulla nucleosintesi stellare.
Jocelyn Bell Burnell, per la scoperta delle pulsar.
Nikola Tesla, per i suoi lavori sulla trasmissione delle onde radio.
Albert Schatz, per la scoperta della streptomicina (rimedio contro la tubercolosi).
Chien-Shiung Wu, per i lavori sulla legge di conservazione della paritÓ.
Oswald Avery, per gli studi sulla trasmissione dei caratteri ereditari tramite DNA.
Douglas Prasher, per la scoperta della proteina fluorescente verde.
Lise Meitner, per il contributo ai lavori sulla fissione nucleare.

Mostra i risultati (1856 voti)
Leggi i commenti (2)

Una volta installato in casa, Powerwall fa quello che ci si aspetta: si ricarica quando è più conveniente (per esempio di giorno, tramite la connessione all'impianto fotovoltaico di casa) e restituisce l'energia quando serve. La sera ci si potrebbe quindi scollegare dalla rete elettrica generale e continuare ad alimentare la casa grazie alla batteria di Tesla. In teoria, in questo modo un'abitazione potrebbe funzionare senza quasi chiedere nulla alla rete.

L'azienda ne garantisce il funzionamento per 10 anni, durante i quali Powerwall genererà una potenza continua di 2,2 kW, potendo arrivare a picchi di 3,3 kW, con voltaggi da 350 a 450 V.

L'installazione - precisa Tesla - deve essere svolta da elettricisti qualificati, i quali dovranno anche installare un inverter per convertire la corrente continua della batteria nella corrente alternata da rendere disponibile nelle rete elettrica domestica.

Stando a quanto dichiarato da Elon Musk, fondatore di Tesla, Powerwall è già un successo: l'azienda ha ricevuto oltre 38.000 richieste da utenze domestiche, abbastanza da assorbire l'intera produzione sino alla metà del 2016.

Si sono anche fatte avanti 2.500 aziende che hanno chiesto dei Powepack, composti ciascuno da una decina di unità Powerwall.

tesla specs

Al di là del successo, occorre precisare alcune cose. Innanzitutto, nella maggioranza dei casi chi ha pannelli fotovoltaici installati sul tetto di casa ha di solito un contratto che permette di vendere l'energia prodotta e non consumata, eliminando quindi lo spreco.

Poi, bisogna tenere presenti i costi: i 2 kW di potenza continua di un solo modulo rendono necessaria l'installazione di almeno due Powerwall se si vuole che la promessa di Tesla di alimentare la casa a batteria diventi davvero realtà; altrimenti basta accendere un paio di elettrodomestici e si rischia di eccedere la potenza disponibile. Ciò però significa un raddoppio dei costi di partenza (almeno 6.000 dollari), cui aggiungere quelli per l'inverter e l'installazione.

af1ba6c4aeddd7d94ec7d8fa24ac1d01

Infine, perché i pannelli solari siano sufficienti a ricaricare Powerwall è necessario avere un'esposizione ideale e una vasta superficie coperta dai pannelli stessi: è stato calcolato che il minimo sia intorno ai 25 metri quadrati.

Il sogno di Elon Musk - una casa che non necessita di allacciamento alla rete elettrica - forse non è così a portata di mano; di certo però Powerwall lo avvicina.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

{veridic}
Io abito in Lombardia e uso da anni il solare autonomo, con batterie al gel perfettamente in grado di restituirmi ciò che mi serve, tutto il giorno, tutti i giorni. Non vedo perché dovrei usare batterie al litio, molto più inquinanti. Poi non voglio fare un regalo ai cinesi, primi esportatori di litio, con il rischio... Leggi tutto
14-5-2015 21:33

Sino a che non avremo batterie con performance e costi adeguati tutte le soluzioni di accumulo saranno sconvenienti... IMVHO oggi il solare fotovoltaico come il mini-micro-eolico e tutte le altre rinnovabili "domestiche" servono solo a intermittenza: quando ci sono le uso quando non ci sono uso la rete. Per esempio quando ci... Leggi tutto
12-5-2015 10:17

{ice}
Elettrico=ecologico?!?!? Qual'è l'impatto ambientale della costruzione e successivo smaltimento delle batterie? O l'impatto delle lampade CCFL (neon)?!?
12-5-2015 00:59

Gli impianti fotovoltaici dicono di avere una durata utile di 20 anni (da verificare). Questi accumulatori dicono di avere una vita utile di 10 anni (da verificare). Quindi bisognerÓ cambiarne due per ogni impianto PV. Non mi sembra conveniente.
11-5-2015 22:40

Occorre anche ricordare che in Italia: - grazie alla ingente produzione di energia elettrica da fotovoltaico il gap fra costo dell'energia nelle ore di punta (quelle diurne) e le ore di stanca (quelle notturne) Ŕ minimo - esiste lo "scambio sul posto", che consente di compensare la produzione (spesso in orario di punta) con il... Leggi tutto
11-5-2015 21:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Da dove scarichi di solito i file (app, film, libri, giochi)?
Scarico i file da fonti sempre diverse
Scarico file da siti di cui mi fido
Non scarico molti file e presto sempre attenzione al sito da cui li scarico
Scarico i file solo da negozi online e da app store di fiducia
Non scarico nulla

Mostra i risultati (1480 voti)
Dicembre 2022
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 4 dicembre


web metrics