Ransomware, danni per oltre 18 milioni di dollari

5 consigli per evitare questo attacco.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-07-2015]

ramsonware

Il ransomware, il software che ricatta le vittime chiedendo soldi per sbloccare l'accesso ai loro dati, cifrati da una password complicatissima generata dal criminale, fa soldi. Tanti soldi.

L'Internet Crime Complaint Center dell'FBI ha pubblicato un comunicato che fa il punto sul dilagare di questo crimine e in particolare sul successo - dal punto di vista dei criminali - di un ransomware specifico, denominato Cryptowall, che ha fatto la propria comparsa ad aprile scorso.

Sono ben 992 le vittime che hanno contattato l'FBI per lamentare di essere state attaccate da Cryptowall, con danni complessivi per oltre 18 milioni di dollari.

E questa è la proverbiale punta dell'altrettanto proverbiale iceberg, perché si presume che siano moltissime le vittime che non segnalano alle autorità di essere state prese di mira e di aver dovuto pagare il riscatto oppure di aver dovuto rinunciare per sempre ai propri dati lucchettati dai criminali.

I consigli dell'FBI per evitare questo tipo di attacco valgono in qualunque paese e sono piuttosto semplici e senz'altro meno costosi di un riscatto o di una bonifica della rete informatica aziendale:

Sondaggio
Chi non ha pagato l'assicurazione auto verrà individuato grazie a una serie di controlli incrociati con videocamere stradali e dati del Ministero. Che cosa ne pensi?
L'uso della tecnologia è diventato troppo invadente. Ogni giorno ci viene sottratta un'ulteriore fetta di privacy.
Ben vengano i controlli, se servono a diminuire le tasse (o i premi di assicurazione) di quelli che onestamente le pagano.
Il provvedimento va a colpire soltanto i disperati, che con la crisi cercano di arrangiarsi.
I veri evasori non si faranno certo acchiappare con questi mezzucci.
Prima di tutto bisognerebbe abbassare i costi delle assicurazioni.
Io non pago né l'assicurazione auto, né il canone Rai, né niente!
Viaggio solo in autobus o in bicicletta, non mi riguarda.

Mostra i risultati (2434 voti)
Leggi i commenti (18)

1) usare antivirus e firewall prodotti da società di sicurezza informatica di buona reputazione e tenerli aggiornati;

2) fare sempre delle copie di sicurezza dei dati (custodite offline, fuori dalla rete informatica);

3) attivare un software che blocchi i pop-up;

4) disinstallare o limitare Flash;

5) e soprattutto non cliccare su messaggi o allegati inattesi e non navigare con i computer di lavoro su siti non attinenti al lavoro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Approfondimenti
Il kit per creare ramsonware

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Cesco67 ha scritto: Ciao Cesco67. Non cambierebbe molto,e cercherò di spiegartelo meglio che posso. Un buon antivirus di distingue da uno scarso, in base ad alcuni parametri: Il suo database, e l'euristica. (l'euristica consente di rilevare alcuni programmi maligni non noti all'antivirus, cioè non contenuti nel suo database ) A questo... Leggi tutto
8-7-2015 19:08

In effetti il topic e' sui ransomware e mi scuso di non aver collegato la cosa, ma quando ho letto la frase che ho quotato nel precedente post l'avevo intesa come affermazione generica invece che specifica sull'argomento (ed in effetti negli episodi che ho citato del malware bloccato non si trattava di ransomware) Tornando in topic, e'... Leggi tutto
7-7-2015 22:54

@Cesco67: Ripeto: dipende sempre da quale tipo di ransom, e della sua variante. Ci sono tipi di ransom che è possibile decriptare anche i file che ha corrotto. Nella sfiga per averlo imbarcato, si può avere la fortuna di avere beccato un ransom "benigno". Qualche passo avanti è stato fatto per questo tipo di infezione, ma non... Leggi tutto
7-7-2015 21:30

@Cesco L'affermazione di R16 è riferita ai vari crypto virus che, ad oggi, non vengono rilevati dagli antivirus in modo preventivo. Recentemente anche nella rete aziendale dell'azienda dove lavoro c'è stato un episodi e l'antivirus non è stato in grado di allertare preventivamente ne gli utenti ne gli amministratori.
7-7-2015 20:46

Questa affermazione mi lascia un po' perplesso... Di sicuro non sono un esperto informatico ne tantomeno di sicurezza informatica, ma l'antivirus che utilizzo (avast free) piu' volte ha bloccato virus prima dell'infezione (p.es. allegati alle email, o script dannosi iniettati in alcune pagine web). Poi esistono antivirus piu'... Leggi tutto
7-7-2015 20:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Di quale generazione fai parte?
Generazione silenziosa: i nati tra gli anni '20 e gli anni '40 del XX secolo
Baby boomers: i nati tra gli anni '40 e l'inizio degli anni '60 del XX secolo
Generazione X: i nati tra gli anni '60 e l'inizio degli anni '80 del XX secolo
Generazione Y (o Millennials): i nati tra gli anni '80 del XX secolo e il 2000
Generazione Z: i nati dal 2000
Generazione Alpha (o Screenagers): i nati dal 2010

Mostra i risultati (2650 voti)
Novembre 2020
Flash muore ma i giochini sopravviveranno nell'Internet Archive
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
Tutti gli Arretrati


web metrics